E.A., 2020 oil and acrylic on canvas 120 x 90 cm

_artist: VIVIAN GREVEN

Il nuovo corpus di lavori di Vivian Greven sono una fusione tra storia dell’arte e narrativa popolare. Al centro della sua arte una mela e la scultura femminile classica che appunto custodisce la mela stessa.

È forse Venere? Forse Eva? Forse Biancaneve?

I lavori della Greven offrono una serie di possibili significati giocando tra loro con la nostra memoria collettiva.
La complessità è enfatizzata da una ricerca molto fine ed elucubrativa dei dipinti tra lo spazio “reale”
creato da parti in rilievo, l’illusione dipinta nello spazio scultoreo e “ritagli” visivi che creano una vista sul
sfondo fattuale di un dipinto.

Vivian Greven su questa serie commenta:

Quando emergono le prime immagini – si ingrandiscono alcune parti del corpo, in cui si riscopre la forma di una mela, o semplicemente buchi nella superficie impeccabile. I rilievi, ad esempio, possono enfatizzare l’illusione di una mela sotto la pelle, in modo che la tela si protenda verso lo spettatore a forma di mela.
Mi interessa nei miei lavori arrivare in fondo a questi liberi pensieri associativi con tutti i mezzi di pittura disponibili e spingermi fino al punto che posso fidarmi della comprensione collettiva delle immagini.
Quando un punto diventa un buco – una ferita aperta – interpretato dalla coscienza collettiva, perché acceso
la tela è ancora un punto. (…) Come siamo diventati, chi siamo? Come si comportano storie, mitologie e immagini come giunzioni archetipiche, che dimostrano la connessione di tutto – senza tempo e senza luogo”.

La prima edizione serigrafica di Vivian Greven “Untitled (ex)” si riferisce al suo motivo iconico dell’intima interazione tra Venere e Adone, creando una cascata di possibili significati giocando con la nostra memoria collettiva.
L’approccio di Vivian Greven per produrre questa edizione lo è stretto legame con il suo abile gioco con aspetti della Pop-Art e della storia della pittura.

BIO

Vivian Greven, nata nel 1985 in Germania, è rappresentata in collezioni museali di fama internazionale come
come il Kunstmuseum di Stoccarda. I suoi lavori hanno fatto parte della mostra “Jetzt! Junge Malerei in Deutschland “al Kunstmuseum Bonn, Kunstsammlung Chemnitz – Museum Gunzenhauer, Museum Wiesbaden, Deichtorhallen Hamburg e” Something Between US “al Kai10 Düsseldorf e all’imminente Kunsthalle Nürnberg nel 2021. Ulteriori mostre in arrivo sono la sua mostra personale al Kunstpalais Erlangen e gruppo
mostre al Paula Modersohn Becker Museum Bremen o alla Gallery Vacancy Shanghai.

Vivian Greven è esposta all’edizione virtuale del miart

INFO & WEB

https://www.instagram.com/viviangreven/
http://www.viviangreven.de/

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Milano Art Week 2020 dal 7 settembre