Crediti photo: Giovanni Daniotti

ANDY WARHOL La pubblicità della forma alla Fabbrica del Vapore di Milano

Apre alla Fabbrica del Vapore di Milano una completa mostra dedicata all’opera di Andy Warhol.

Con oltre trecento opere divise in sette aree tematiche e tredici sezioni – dagli inizi negli anni Cinquanta come illustratore commerciale sino all’ultimo decennio di attività negli anni Ottanta connotato dal rapporto con il sacro – la spettacolare mostra Andy Warhol. La pubblicità della forma è promossa e prodotta da Comune di Milano–Cultura e Navigare, curata da Achille Bonito Oliva con Edoardo Falcioni per Art Motors, Partner BMW e Hublot.

IL VIAGGIO

La mostra è un vero e proprio viaggio attraverso la visione creativa di Warhol. Nelle varie aree tematiche è possibile ammirare e capire il suo estro creativo, la sua attitudine artistica e anche umana.

“Warhol – afferma Bonito Oliva, curatore della mostra – è il Raffaello della società di massa americana che dà superficie ad ogni profondità dell’immagine rendendola in tal modo immediatamente fruibile, pronta al consumo come ogni prodotto che affolla il nostro vivere quotidiano. In tal modo sviluppa un’inedita classicità nella sua trasformazione estetica. Così la pubblicità della forma crea l’epifania, cioè l’apparizione, dell’immagine”.

Dopo il successo della Mostra di Roma nel 2018 al Complesso del Vittoriano, Eugenio Falcioni, esperto di rilievo di Andy Warhol, collezionista e prestatore nella sua veste di responsabile di Art Motors omaggia la sua città adottiva Milano producendo una esposizione con più di 300 lavori, per la maggior opere uniche.

Molte provenienti dall’Estate Andy Warhol, due di Keith Haring e di altre prestigiose collezioni private.

Dai disegni degli anni 50 alle icone Liz, Jackie, Marilyn, Mao, Flowers, Mick Jagger ai ritratti ed ai suoi progetti personali come il fashion – dichiara Falcioni – sono presenti tele, carte, sete, latte con le famose ed uniche Polaroid, per arrivare agli acetati unici che fanno parte della seconda fase del suo lavoro altrettanto importante”.

La mostra milanese vuole documentare questo avvincente percorso: dagli oggetti simboli del consumismo di massa, ai ritratti dello star system degli anni ’60; dalla serie Ladies & Gentlemen degli anni ’70 dedicata alle drag queen, i travestiti, simbolo di emarginazione per eccellenza e considerati alla pari di star come Marilyn, sino agli anni ’80 in cui diviene predominante il rapporto col sacro: cattolico praticante, ne era stato in realtà pervaso per tutta la vita.

Esposte quasi tutte opere uniche come tele, serigrafie su seta, cotone e carta, oltre a disegni, fotografie, dischi originali, T-shirt, il computer Commodore Amiga 2000 con le sue illustrazioni digitali – i primi NFT della storia – la BMW Art Car dipinta da Warhol con il video in cui la realizzò e una parte multimediale con proiezioni di film da vedere con gli occhialini tridimensionali.

L’ALLESTIMENTO

Anche l’allestimento risente dalla creatività di Warhol. Sono stati infatti ricreati e ricostruiti gli spazi della sua prima Factory così come i luoghi della sua creatività (Lo Studio 54 su tutti).

Andy Warhol muore nel 1987. Le sue icone, i suoi personaggi, i suoi soggetti sono riprodotti ovunque, in tutto il mondo, su vestiti, matite, posters, piatti, zaini. Ha anticipato i social network e la globalizzazione degli anni Duemila, ha cambiato per sempre la storia dell’arte, è ancora attualissimo e amato da un pubblico trasversale.

La mostra rappresenta una occasione imperdibile per godere della sua arte unica, coraggiosa, innovativa e traboccante di idee.

INSTALLATION VIEW

INFO

ANDY WARHOL. La pubblicità della forma
 Fabbrica del Vapore, Via Procaccini 4, Milano
Dal 22 ottobre 2022 sino al 26 marzo 2023

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
ACQUARIATERRAFUOCO – L’opera di Helidon Xhixha sul Lago d’Iseo