. All pictures are courtesy of 'Fundación Mapfre Guanarteme

NAYRA MARTIN REYES “Este (no es) el Jardín del Edén”, a Tenerife

“Este (no es) el Jardín del Edén” (Questo (non è) il Giardino dell’Eden) è il titolo della mostra di Nayra Martín Reyes che si svolge fino al 18 novembre alla Fundación Mapfre Guanarteme di La Laguna a Tenerife.

L’opera di Nayra Martín, come la poesia, è fatta di parole intrecciate che emanano riflessi, riflessi che possono essere realtà o miraggi. Come la poesia le sue opere sprigionano riflessi, sfumature e versatilità.

La vulva per Nayra Martín è un’icona dalla forte carica simbolica, con la quale gestisce, in modo diverso, caratteristiche sia organiche che pittoriche, con una potente estetica del colore che non lascia nessuno impassibile.

Guardare le sue opere ci lascia compiaciuti, può provocare una reazione di empatia o addirittura un categorico rifiuto, ma è sempre un esercizio provocatorio della pittura stessa.
Il gesto pittorico come segno plastico nel quadro più ampio della tradizione astratta ma assumendo le chiavi di un linguaggio descrittivo in cui, però, entra in gioco le tue percezioni ed emozioni, sensazioni e pensieri.

E in questo gioco di incontri Nayra contempla e rivendica il suo ampio valore in relazione all’onnipotenza dei simboli e imperativi maschili, e per questo diventa ossessionato dal soggetto, la vulva, per riferirsi
le donne come una delle sue icone più riconoscibili.

Nayra, archeologa e alchimista della pittura, si mette in mostra, come la sua ammirata Joan Mitchell, di uno stile poetico a metà tra il calcolato e l’emotivo per stimolare l’intelletto mentre si cerca di sedurre i sensi del
spettatore.

Le sue creazioni avvicinano il pubblico al concetto di identità spirituale inerenti alla natura umana che propongono una riflessione sul senso ultimo della nostra esperienza vitale e rivelano una serie di chiavi che governano il nostro spirito.

L’ARTISTA

Nayra Martín Reyes (Santa Cruz de Tenerife, 1979) è un’artista poliedrica i cui media di elezione sono la pittura e la performance.
Nell’ultimo periodo, lavorando nella linea di confine che separa suggestivo da erotico, si è concentrata in special modo su una visione immediata e impertinente della comprensione del sesso femminile.
Il suo approccio istintivo e spontaneo alla pittura, l’utilizzo di cromie dense e vivaci, stratificate in una resa materica, la libera associazione di immagini di ortaggi con immagini anatomia, rivelano il suo obiettivo di abbattere lo stereotipo del corpo femminile come corpo a caratterizzazione prevalentemente sessuale.

INFO

Este (no es) el Jardín del Edén
Nayra Martín Reyes
Fino al 18 Novembre 2022
Fundación Mapfre Guanarteme, La Laguna (SC de Tenerife, Spain)

WEB & SOCIAL

https://www.instagram.com/nayramartinreyes/

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
TRIENNALE ESTATE – Club ZERO. Il club dei quartieri della città – Centrale