Il Magistretti inglese_011_PH Philip Sayer

Il Magistretti inglese alla Fondazione studio museo Vico Magistretti di Milano

Il 10 aprile 2024 inaugura alla Fondazione studio museo Vico Magistretti di Milano “Il Magistretti inglese”.

La mostra vincitrice del Call for Curators lanciato dalla Fondazione in occasione del Convegno Internazionale Vico Magistretti. Tra Milano e il mondo realizzato a ottobre 2023, in collaborazione con Triennale Milano.

La mostra pensata, curata e allestita dai vincitori Viola Pelù e Louis Mayes – giovani architetti londinesi – esplora e approfondisce il rapporto tra Vico Magistretti e il Regno Unito: i progetti e i viaggi, le corrispondenze e le collaborazioni, le conferenze e i riconoscimenti fno ai lavori e ai ricordi degli studenti di Vico al Royal College of Art di Londra (RCA).

La mostra dunque racconta e documenta un’afnità progettuale e culturale, quasi una «love story», che va ben oltre il noto ruolo di visiting professor assunto da Vico nel 1979 al Royal College of Art: dalla partecipazione nel 1952 alla mostra Italian Contemporary Architecture del Royal Institute of British Architects (RIBA) a Londra fno ai molti progetti che adottano forme e materiali di ispirazione inglese (dal tavolino Caori del 1969 fno al
divano Rafles del 1988).

Così nel 1993 Vico racconta la propria profonda corrispondenza con il mondo anglosassone:

Io sono legato, per diversi motivi, alla tradizione inglese. (…) La cultura inglese è in grado di suggerire ribaltamenti di signifcato, accostamenti a sorpresa. Nella tradizione britannica si intrecciano il senso della necessità e l’amore per la realtà. E a volte basta alterare un piccolo elemento della realtà per creare un oggetto di buona qualità formale».

Mostra e progetto di allestimento a cura di Viola Pelù e Louis Mayes.

INFO

“Il Magistretti inglese
Fondazione studio museo Vico Magistretti
via Vincenzo Bellini 1 – Milano
www.vicomagistretti.it
archivio.vicomagistretti.it


HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Back to Nature a Villa Borghese a Roma