Installation-View-Emilio-Tadini-tra-Archeologia-e-Metafisica-Galleria-Gracis-Foto-credit-Fabio-Mantegna

Recensione: “Emilio Tadini tra Archeologia e Metafisica” alla Galleria Gracis di Milano

La ricerca di un dettaglio o di una forma di dialogo con elementi esterni o con altri artisti molto spesso diventa più interessante, dal punto di vista della fruizione, rispetto a massive personali e retrospettive antologiche.

Proprio una attenta ricerca di un possibile dialogo è quella offerta dalla Galleria Gracis di Milano con la mostra dedicata al lavoro dell’artista milanese Emilio Tadini.

IL PROGETTO

Il progetto “Emilio Tadini tra Archeologia e Metafisica” mette in mostra tutta la fascinazione dell’artista per le atmosfere metafisiche e per l’opera di de Chirico.

Le sue visioni oniriche abbracciano il senso profondo del lavoro dechirichiano, portando alle estreme conseguenze il discorso intrapreso con la Vita di Voltaire, ciclo oggetto di una mostra alla Fondazione Marconi nel 2019.

La metafisica è la via che Tadini segue per tracciare il suo percorso artistico, ed è lo strumento mediante il quale supera il dualismo tra realismo socialista/arte informale. Approda, così, a una nuova forma espressiva che gli consente di occuparsi della figura umana, in un momento in cui essa viene estromessa dal lavoro degli artisti.
Tadini esordisce in campo artistico con una pittura fiabesca, di chiara matrice surrealista, e la sintesi che egli attua allo scadere degli anni ‘60 avviene proprio grazie all’adozione della chiave di lettura metafisica: la materia pittorica si alleggerisce, le immagini risultano meno affollate, i fondi si fanno chiari e spesso monocromi, suggerendo uno spazio più ideale che realistico.

Tadini, infatti, supera la nostalgia del maestro greco per lo spazio rinascimentale: esso si fa evanescente, multidimensionale, concentra in sè differenti spazi e differenti istanti contemporaneamente.

Quello che Tadini rappresenta è uno spazio allusivo, un continuo rebus, una probabile “scena del crimine” in cui l’artista ci consegna elementi apparentemente slegati tra loro, la cui interconnessione diviene generatrice di una narrazione che, tuttavia, spetta solo al visitatore decodificare. I personaggi di Tadini agiscono in un contesto allusivo, sono figure ironiche, senza volto in quanto impenetrabili psicologicamente e con le quali l’artista ci impedisce di entrare in empatia.

Tutto è ambiguo e tutto è possibile.

Lo stesso enigma ci coglie nell’atto della contemplazione delle muse di Giorgio de Chirico, rese inquietanti proprio dal loro mistero, dalla loro collocazione casuale in uno spazio, così desolato, da risultare irreale. Tadini stesso, allora, ribalta nelle sue opere queste posizioni casuali all’infinito, generando nuove inquietanti relazioni, tutte possibili ma nessuna certa. E coglie, citandolo in tutto il ciclo, un altro elemento dal lavoro dechirichiano, la maschera tribale, che racchiude dentro di sè il senso del collocarsi all’interno di una tradizione, in un percorso evolutivo coerente che dall’archeologia e dal classico, giunge fino a de Chirico come processo lineare.

SCORE

OPERE: 8,00 – In mostra una serie di opere raggruppate sotto il titolo di Archeologia e Archeologia con de Chirico, realizzate da Tadini nei primissimi anni ’70. Opere che dialogano con quadri di de Chirico e con le maschere che hanno ispirato le opere di Tadini e che lo circondavano nel suo studio di Milano.

INSTALLAZIONE: 7,50 – Lineare e ben definita anche nella ricerca cromatica offre un ampio respiro alla dinamicità di Tadini e al suo contrapporsi con De Chirico e con gli elementi ispirativi.

COMPLESSIVO: 8,00 – Il dettaglio curatoriale analizzato nella mostra offre una interessante chiave di lettura di Tadini e riporta, giustamente l’artista milanese, al centro di una visione e attenziona artistica forse ancora troppo poco indagata e scandagliata.

Classificazione: 8 su 10.

L’ARTISTA

Nato a Milano nel 1927, Tadini consegue la laurea in lettere e si distingue presto tra le voci più vive
del dibattito culturale del secondo dopoguerra.

Nel 1947 esordisce su “Il Politecnico” di Elio Vittorini a cui farà seguito un’intensa attività critica e teorica sull’arte. Nel 1963 viene pubblicato il suo primo romanzo “Le armi l’amore”, cui seguono nel 1980 “L’opera”, nel 1987 “La lunga notte”, nel 1991 “l’insieme delle cose” e nel 1993 “La tempesta”. Dagli anni Cinquanta affianca il lavoro letterario all’esercizio della pittura, ed espone per la prima volta nel 1961 alla Galleria del Cavallino di Venezia, dove il pittore Tancredi Parmeggiani acquista una sua opera. Fin dagli esordi sviluppa il suo lavoro
per cicli (Vita di Voltaire, L’uomo dell’organizzazione, Color & Co., Archeologia, Città italiane, Profughi).

Nel corso della sua carriera, Tadini sviluppa uno stile artistico unico che mescola elementi surrealisti, metafisici e una profonda riflessione sulla letteratura e la filosofia. Lo stile si caratterizza per la fusione di elementi figurativi e astratti, in cui le forme e le figure umane si mescolano in un universo simbolico carico di significato. Mentre la pop art statunitense viene celebrata alla XXXII Biennale di Venezia del 1964, Tadini si rivolge alle formulazioni stilisticonarrative del pop britannico di Richard Hamilton, David Hockney, Eduardo Paolozzi e Ronald B. Kitaj.

Fino alla metà degli anni Settanta formula un’originale versione del linguaggio pop, dove i contorni sagomati e il colore disteso per superfici nette veicolano un simbolismo denso di riferimenti alla psicoanalisi freudiana. Partecipa alle lezioni presso l’Accademia di belle arti di Brera e frequenta il bar Giamaica, crogiolo di intellettuali e artisti legandosi in profonda amicizia con i pittori Alfredo Chighine, Alik Cavaliere, Cesare Peverelli, con i fratelli Guido e Sandro Somarè e Valerio Adami, con il quale inaugurerà la prima mostra dello Studio Marconi nel 1965. Sul finire del decennio diviene tra le voci più sensibili per il rinnovamento della pittura figurativa. In qualità di critico introduce l’opera di artisti a lui più affini in vari cataloghi come per Chighine (galleria Il Milione, 1958), Adami (galleria del Naviglio, 1959), Alik Cavaliere (galleria Bergamini, 1959) e altri.
La costante riflessione sull’attualità delle avanguardie storiche ispira cicli centrali degli anni Settanta, dove elementi desunti dalla grafica pubblicitaria e dai fumetti convivono con l’ironica giustapposizione dell’objet trouvé di derivazione dada. Al suprematismo Tadini dedica Paesaggio di Malevič (1971), mentre la metafisica dechirichiana è al centro di opere quali Archeologia (1972- 1973), Ulisse & Co. (1973) e Magasins Réunis(1973).

Nel 1978 Tadini espone alla Biennale di Venezia il grande ciclo intitolato Museo dell’uomo (1974), e
nell’edizione del 1982 la serie Disordine di un corpo classico (1981), ciclo che inaugura una fase del
suo lavoro caratterizzata dall’alterazione delle tradizionali forme del corpo umano. Dal 1992 inizia
un’intensa collaborazione con il Corriere della Sera come critico d’arte ed editorialista.
Nel 1993 ottiene il premio Strega con “La tempesta”, romanzo intriso di riferimenti letterari e storico-artistici che ne segna la piena maturazione in senso espressionista. Tadini è stato inoltre presidente dell’Accademia di Belle Arti di Brera dal 1997 al 2000.

Muore a Milano il 25 settembre 2002. Nel 2008 il figlio Francesco Tadini e la giornalista Melina Scalise fondano l’associazione Spazio Tadini in suo omaggio, inglobando negli spazi della tipografia di famiglia, lo studio dell’artista. Nel 2015, Spazio Tadini diventa Casa Museo nel circuito Storiemilanesi che raccoglie 15 luoghi della città dove hanno vissuto dei personaggi (artisti, scrittori, designer) che hanno dato un contributo artistico e culturale alla città

EXHIBITION VIEW

INFO

Emilio Tadini tra Archeologia e Metafisica
9 maggio – 9 luglio 2024
Galleria Gracis srl
Piazza Castello, 16
Milano

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
I Capolavori: Roy Lichtenstein