Rehearsal Project presenta “Altrimenti anche niente” a Milano

Rehearsal Project presenta “Altrimenti anche niente”, un progetto di Andrea Bruschi, Lorenzo Di Lucido, Elisa Muliere, Beatrice Meoni, Caterina Silva e Giulio Zanet.

Dopo un anno di dialogo a distanza fatto di scambi di materiale, messaggi e email, si è andata via via costruendo l’idea di una mostra che in realtà mostra “non sarà mai”. Volta, più che altro, a mettere in luce i processi che si sono creati tra gli stessi artisti, le loro opere e il loro agire. Mantenendo ognuno la propria individualità, pittori e pittrici di diverse generazioni hanno condiviso idee e traiettorie, nel tentativo di stimolare un dialogo tra loro e con l’ambiente circostante. Il tutto nella maniera più naturale possibile, senza costrizioni e senza l’obiettivo di dover portare a termine il percorso intrapreso, in altre parole, senza dover concludere alcunché, l’opera o l’esposizione, ma per documentare e confrontarsi sul processo del fare pittorico.

Altrimenti anche niente è un progetto che ruota attorno all’idea della pittura, ai suoi interrogativi, alle sue criticità e alle sue possibilità. Il titolo del progetto, emerso in maniera quasi fortuita da un rapido scambio di email, è, di fatto, la versione sintetica di un approccio temporale al lavoro e alla sua direzione:

Il titolo in fondo è stato in qualche modo un filo conduttore…avremmo dovuto incontrarci e lavorare fianco a fianco nello spazio, Avremmo voluto, dovuto? bere, mangiare, discutere e confrontarci e dare luogo a una residenza o qualcosa di simile…ma niente, o meglio, “altrimenti anche niente”. Avremmo potuto osare di più e lavorare l’uno dentro il corpo dell’opera dell’altro, ma non è andata proprio così, ma “altrimenti anche niente”. Non è molto, ma è un “altrimenti”…forse un’alternativa storta, magari povera o piccola.
Comunque “altrimenti” a questo punto “anche niente”.

Nel mese di dicembre l’esposizione inoltre dialogherà, con il coordinamento del poeta e scrittore Tommaso Di Dio, con il progetto editoriale Ultima, per la direzione artistica di Ilaria Mai e con Giuseppe Nibali Guzzetta, Damiano Scaramella, Fabrizio Sinisi. Durante l’evento – il quale sarà occasione di approfondimento e conoscenza del lavoro degli artisti esposti mediante talk, performance sonore e letture poetiche – sarà presentato il secondo volume del secondo ciclo di edizioni, Ultima*Definizioni del sempre, composto da quattro dialoghi (fra Maria Borio, Tom Schulz, Carmen Gallo, Beatrice Seligardi, Francesco Terzago e Jacopo Benassi), incentrati sul rapporto/problema fra immagine e parola.

INFO

Altrimenti anche niente
OPENING: 20 OTTOBRE, 2021 – h. 15,00-20,00
Un progetto di:
Andrea Bruschi, Lorenzo Di Lucido, Elisa Muliere, Beatrice Meoni, Caterina Silva, Giulio Zanet
Rehearsal Project
VIA GIAN BATTISTA PASSERINI, 18, MILANO


HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Triennale riapre dal 4 giugno, ingresso gratuito per il Museo del Design Italiano e il Giardino