GRAND TOUR con MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma la 1° edizione online

Venerdì 20 e sabato 21 novembre 2020 torna Grand Tour, uno degli appuntamenti più attesi nella programmazione culturale di Palazzo Grassi – Punta della Dogana, che invita i musei e il pubblico a seguire gli appuntamenti proposti per la nuova edizione interamente online e dedicata alla mediazione culturale, alla sua trasformazione in un contesto digitale e alla sua capacità di rimanere inclusiva al tempo della distanza fisica.

Grand Tour è il viaggio a puntate alla scoperta dei Servizi Educativi dei musei di tutto il mondo, senza muoversi da Venezia e, per questa edizione, senza neanche muoversi dalla propria abitazione. Il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo è il protagonista di quest’anno. L’istituzione romana ha curato, in collaborazione con i Servizi Educativi di Palazzo Grassi – Punta della Dogana, un calendario di due giornate dal titolo “La sfida della distanza”, che si compone di un incontro per professionisti del settore, accessibile su invito tramite la piattaforma Zoom e dedicato al tema della mediazione culturale e della sua capacità di coinvolgimento in un contesto digitale, e due laboratori per tutti su iscrizione, che si svolgono su Google Meet e invitano a riflettere sulle nozioni di spazio domestico e di spazio di separazione.
Le edizioni passate hanno visto la partecipazione della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, la Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze, il Centre Pompidou di Parigi, Manifesta 12 Palermo e lo S.M.A.K., Stedelijk Museum voor Actuele Kunst, museo d’arte contemporanea di Gand (Belgio).

Venerdì 20 novembre, alle 15.00, gli operatori museali impegnati nell’ambito educativo si ritrovano online per dialogare e confrontarsi sulle pratiche più interessanti ed efficaci sperimentate dall’Istituzione ospite e da quelle invitate, nel campo della mediazione culturale digitale. Il tema di quest’anno “Cosa accade online, la mediazione, partecipazione e pratiche laboratoriali” si interroga sulle strategie necessarie per preservare e potenziare l’identità della proposta educativa che normalmente si svolge in presenza nelle attività elaborate per il pubblico online.
L’incontro è accessibile su invito con link alla piattaforma Zoom dedicato.

Sabato 21 novembre dalle 15.00 e alle 16.30 il MAXXI insieme a Palazzo Grassi presenta due Laboratori per tutti molto speciali, curati dai servizi educativi dell’istituzione romana e accessibili dagli 8 anni in su. I due laboratori si concentrano sulle relazioni tra il corpo e lo spazio inteso come luogo dell’abitare, ma anche come distanza tra noi e gli altri.

Stefania Napolitano, MAXXI Educazione, conduce “Il corpo domestico”. Il pubblico online è invitato a considerare gli spazi della propria abitazione come corpi plasmati dalle attività quotidiane degli abitanti. Una sorta di guida all’anatomia dello spazio per prendere coscienza dell’influenza che le azioni più comuni hanno su di esso, sino ad arrivare a sconvolgerlo completamente.
Il secondo atelier è invece a cura di Sofia Bilotta, responsabile ufficio Public Engagement, e si intitola “Come se tu fossi qui”. Partendo dal presupposto che la distanza fisica è entrata ormai nella quotidianità delle relazioni e la tecnologia digitale è lo strumento con il quale si tenta di colmare lo spazio di separazione con gli altri, il workshop mira a sviluppare delle strategie che assottiglino le distanze, prendendo spunto dalle “Carte per l’arte di Maria Lai” e dalle pratiche sensoriali adottate da persone con disabilità.
I due workshop si svolgono in contemporanea e possono accogliere un massimo di 10 partecipanti, per un totale di 20 posti a disposizione, accessibili dalla piattaforma Google Meet.

IL PROGRAMMA

La sfida della distanza
 
Venerdì 20 novembre, ore 15.00 | Incontro per professionisti attivi nell’ambito dei servizi educativi museali.
                                                                                                                                                 
“Cosa accade online a mediazione, partecipazione e pratiche laboratoriali”
Come plasmare e potenziare l’identità delle nostre pratiche educative in presenza all’interno di relazioni virtuali nel contesto digitale? Ovvero come mantenere la dimensione inclusiva dello stare insieme in uno spazio che favorisca il contesto di apprendimento attraverso strategie e strumenti accessibili e partecipativi? Come includere e avvicinare le persone ai luoghi culturali, pur nella difficoltà della distanza fisica?
Accesso su invito.
 
Sabato 21 novembre, ore 15.00 – 16.30 | Laboratori per tutti
 
 “Il corpo domestico” – condotto da Stefania Napolitano, MAXXI Educazione
Se siamo lo spazio che abitiamo, in questo momento storico, dove tutto si è riconfigurato per far fronte alla calamità, come stanno reagendo le nostre case?
Come stanno i nostri corpi domestici? Una serie di esercizi di anatomia dello spazio, per capire come attività essenziali quali dormire, mangiare, lavorare e coltivarsi (prendersi cura di sé) si siano distribuite all’interno degli spazi domestici spesso ri-configurandoli e in alcuni casi stravolgendoli.
 
Il laboratorio si svolge in diretta, su Google Meet, per un massimo di 10 partecipanti.
Per iscrizioni: https://form.jotform.com/education_palazzograssi/grand_tour_MAXXI
 
Ore 15.00 – 16.30
Come se tu fossi qui” – condotto da Sofia Bilotta, Responsabile Ufficio Public Engagement
La distanza fisica è entrata ormai nella quotidianità delle nostre relazioni e la tecnologia digitale è lo strumento con cui cerchiamo di colmare lo spazio di separazione tra noi e gli altri. Ma cosa manca rispetto all’esserci? Come possiamo reintegralo? Con questo workshop ci alleniamo ad assottigliare la lontananza attraverso un percorso inedito ispirato alle “Carte per l’arte di Maria Lai”, quattro mazzi di carte realizzate dalla nota artista italiana come strumento per leggere l’arte e l’architettura, e alle pratiche sensoriali adottate da persone con disabilità.  Voci, mani, movimento, ascolto e condivisione saranno gli elementi di un processo narrativo alternativo da costruire insieme nello spazio reale in cui ci troviamo attraverso lo schermo di un computer o di uno smartphone.
 
Il laboratorio si svolge in diretta, su Google Meet, per un massimo di 10 partecipanti.
Per iscrizioni: https://form.jotform.com/education_palazzograssi/grand_tour_MAXXI

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
HESTETIKA N. 22 è IN EDICOLA E SU APPLE STORE