“Mutonia Milano”, un’esposizione en plein air di alcune sculture e scatti fotografici del collettivo Mutoid Waste Company

L’estetica cyberpunk incontra le tematiche ambientali, e il riciclo si trasforma in una lente attraverso cui creare opere d’arte plasmando scarti di materiali ferrosi e plastici.

Mutonia Milano offre un’interpretazione quasi letterale del filo conduttore di miart 2024, che con il titolo “no time no space” invita ad oltrepassare i confini spaziali e temporali della realtà. In questo senso il riutilizzo creativo diventa la soluzione ideale per estendere la vita della materia, che fuoriesce dallo spazio e dal tempo per cui era stata modellata e diventa un’opera d’arte pensata per affascinare e far riflettere lo spettatore.
L’esposizione, composta da 8 scenografiche sculture e da una serie di stampe fotografiche in mostra negli spazi SOL condivisi da Jungle, Cookies e Babooth, sarà aperta al pubblico e visitabile gratuitamente dal 12 al 18 aprile dalle 10:30 alle 18.30 in via Tagiura 17.

Mutonia Milano è curata da Lyle Rowell “Doghead”, Debs Wrekon e Lucia Lupan, tre artisti appartenenti al collettivo Mutoid Waste Company fondato a Londra a metà degli anni ‘80 e successivamente trasferitosi a Santarcangelo di Romagna, divenuto famoso per la produzione di gigantesche opere cyberpunk chiamate “Mutoidi”. Il nome del gruppo si ispira ad una serie tv britannica in cui i Mutoids erano esseri umani ricondizionati privi di personalità, un universo che ha influenzato la produzione di sculture originali e scenografiche – talvolta semoventi – utilizzate in performance ed esposizioni riconosciute e apprezzate a livello internazionale.

INFO

MUTONIA MILANO
DAL 12 AL 18 APRILE 2024
IN VIA TAGIURA 17

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
HESTETIKA N. 27 è IN EDICOLA