Luigi Pericle, Senza titolo (Matri Dei d.d.d.), 1966, tecnica mista su masonite. Collezione Biasca-Caroni. Foto © Marco Beck Peccoz.

Luigi Pericle. Ad astra al Museo d’arte della Svizzera italiana di Lugano

E’ stata presentata a Lugano la prima retrospettiva in Svizzera del pittore e disegnatore Luigi Pericle (1916–2001) intitolata “Luigi Pericle. Ad astra” e curata da Carole Haensler in collaborazione con Laura Pomari.

La mostra si svolgerà dal 18 aprile al 5 settembre 2021 al Museo d’arte della Svizzera italiana. Il progetto è stato elaborato in collaborazione con l’Archivio Luigi Pericle e il Museo Villa dei Cedri di Bellinzona. A vent’anni dalla morte dell’artista, l’esposizione ripercorre il lavoro di ricerca artistica e spirituale di Pericle grazie a un’accurata selezione di dipinti, disegni, schizzi, documenti e scritti.

L’esposizione del MASI a Palazzo Reali si articola in cinque sezioni, che delineano l’orizzonte spirituale e artistico di Luigi Pericle. Si riaccendono così i riflettori su un artista che certo studia il passato, ma è rigorosamente contemporaneo nella sua pittura, e nel suo vocabolario si dimostra all’altezza dell’astrazione lirica della seconda École de Paris e dell’arte informale.

Molteplici sono le suggestioni di artisti quali Jean Dubuffet, Henri Michaux, Hans Hartung, Pierre Soulages, Maria Helena Vieira da Silva, Julius Bissier e altri che si bilanciano in una sintesi artistica estremamente individuale; in particolare i disegni a china raggiungono un grado virtuosistico di profondità meditativa. L’esposizione al MASI documenta inoltre il contesto spirituale dell’arte di Luigi Pericle, i suoi studi di calligrafia, astrologia, teosofia, filosofia Zen, ma anche del canone universale della storia dell’arte.

INFO

Luigi Pericle. Ad astra
A cura di Carole Haensler in collaborazione con Laura Pomari
18 aprile – 5 settembre 2021
Museo d’arte della Svizzera italiana, Lugano
MASI | Palazzo Reali
www.masilugano.ch


HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Focus: Il paradosso dell’immagine nella contemporaneità. Malevič & Klein