Where is South?: una mostra virtuale per ridefinire il significato della parola “Sud”

Più di 90 giovani talenti creativi provenienti da 5 paesi – Gabon, Mozambico, Regno Unito, Stati Uniti d’America e rifugiati, richiedenti asilo e migranti residenti in Italia – hanno liberato la parola “Sud” da connotazioni ideologiche, investendola di significati personali, in occasione di “Where is South?”, una mostra virtuale presentata da Moleskine Foundation.

L’iniziativa online invita i visitatori a interrogarsi sul significato collettivo del termine “Sud globale”: si tratta di una dichiarazione politica, di un modo per contrapporre tra loro le regioni del mondo, per etichettare una parte del pianeta come inferiore, meno sviluppata, impoverita? Le opere in mostra sono il risultato creativo di AtWork, il workshop educativo itinerante di Moleskine Foundation, nato con l’obiettivo di valorizzare il potenziale creativo dei giovani attraverso il pensiero critico, un intenso dibattito e un percorso di scoperta personale. I workshop sono condotti da Simon Njami, advisor della Fondazione e co-creatore di AtWork, nonché illustre autore e curatore di arte contemporanea.

Presentando oltre 90 taccuini Moleskine riadattati, decorati e trasformati in opere d’arte dense di significato, la mostra ridefinisce il significato di una parola carica di connotazioni ideologiche, in un momento storico in cui si discute della necessità di creare una società più equa in un mondo post-pandemia. Utilizzando pittura, collage, forbici, seghe, cavi, catene e molto altro ancora, i partecipanti AtWork danno vita a opere che accendono il dibattito e sfidano i concetti di indipendenza, identità, confini (sia reali che immaginari), storia, memoria, riconoscimento di sé e consapevolezza. Tra i partecipanti – tutti di età compresa tra i 18 e i 27 anni – coreografi, imprenditori, curatori, stilisti, registi, fotografi, fondatori e leader di associazioni non-profit, poeti, artisti visivi, direttori artistici e altri artisti emergenti.

“Where is South?” avrà inizio il 1 ottobre alle ore 17:00 con un incontro virtuale con i partecipanti e i partner di AtWork, che parleranno del potere della creatività nella trasformazione individuale e sociale. La mostra sarà presentata da Moleskine Foundation insieme ai partner che hanno contribuito alla realizzazione dei workshop nei vari Paesi, tra cui: l’Agenzia ONU per i Rifugiati (UNHCR) a Venezia, nell’ambito della mostra “​Rothko in Lampedusa​” ; il progetto “Young People’s Programme” della Tate Modern di Londra; Pfwura Ndzilo e ANIMA a Maputo, in Mozambico; l’ONG Mukasa, l’Institut Français Gabon e il Musée National des Arts et Traditions du Gabon a Libreville, in Gabon; e l’Africa Center di New York.

“Il nostro obiettivo è quello di creare uno spazio creativo accogliente dove i giovani possano esercitare il loro pensiero critico, uscire dalla loro comfort zone e sentirsi liberi di mettere in discussione la società che li circonda”, afferma Adama Sanneh, CEO di Moleskine Foundation. “I partecipanti acquistano sicurezza e consapevolezza di sé, qualità necessarie ad innescare un cambiamento positivo nella loro comunità di riferimento”.

“Where is South?” nasce dall’intento di Moleskine Foundation di promuovere lo sviluppo di comunità creative nel mondo. La Fondazione utilizza esperienze e strumenti educativi non-convenzionali per valorizzare il potenziale creativo dei giovani, soprattutto nelle comunità più disagiate, adottando un approccio inclusivo a vantaggio dei suoi beneficiari.

INFO & WEB

La mostra sarà visibile sul profilo Instagram di Moleskine Foundation dal 1 ottobre al 30 ottobre 2020.

https://moleskinefoundation.org/it/
https://www.instagram.com/moleskinefoundation/?hl=it
#CreativityforSocialChange
@MOLESKINE

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Kennedy Yanko. Because it’s in my blood alla Galleria Poggiali