VALENTINA GURLI: catturare l’effimera fantasia
Parte 5^ – La velata sensualità

Ammirare un corpo attraverso delicate velature amplifica la sensualità. La potenza del vedo e non vedo è un gioco ad alta potenzialità erotica che amplifica immaginazione e desiderio.

La nuova narrazione fotografica di Valentina Gurli parte da questo concetto e gioca attraverso le mille trasparenze della bellezza di un corpo femminile avvolto nelle calze di nylon, simbolo indiscusso di seduzione e femminilità.

Bianco e nero rigorosamente pieno di sfumature e riflessi ci portano in questo immaginario sexy dove eccitazione, passione e desiderio sono i gestori del tempo, delle emozioni e dello spazio.

Che il gioco della seduzione abbia inizio.

Il pensiero mi accende il desiderio. Vederla e non vederla. Immaginarla e desiderarla.

Il suo gioco con i collant mi avvolge e mi mesmerizza.

Le feci tener su le calze e le scarpe coi tacchi alti.
Sono un freak. Il corpo al naturale non lo reggo,
ho bisogno di farmi ingannare.

(Charles Bukowski)

Voleva giocare con il mio desiderio, rendermi fallibile e portarmi inevitabilmente a sé.
Con le sue calze mi provocava, facendomi sognare,
facendomi intravedere il frutto del suo essere fantasticamente femminile.

Il cuore mi pulsa, il desiderio cresce, la chimica è attivata.
Voglio scoprirla e perdermi in lei …

Femminilità. Il bene più prezioso di una donna.
Il campo magnetico nel quale l’uomo viene attratto.

(Marlene Dietrich)

INFO

https://www.instagram.com/valentinagurli
https://www.facebook.com/Valentina-Gurli-photography

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Libro: L’arte del manifesto giapponese di Gian Carlo Calza all’ADI Design Museum a Milano