Il collezionismo in arte alla Sant’Agostino Casa d’Aste di Torino

L’incontro ha come obiettivo quello di analizzare il tema del collezionismo nell’arte. Francesco Poli aprirà con un excursus storico sulla storia del collezionismo per poi approfondire il tema del collezionismo nel Novecento e oggi.

Doriana Guglielmetto Mugion e Marco Galateri indagheranno il collezionismo dei primitivi piemontesi, soffermandosi sul caso delle eredità della Collezione Leone Fontana. Leone Fontana (Torino 1836 – Torino 1905), consigliere, assessore, e poi senatore, era anche un grande collezionista di dipinti di pittori piemontesi del Quattrocento e del Cinquecento. La famiglia Galateri dona nel 1909 al Museo Civico di Palazzo Madama il primo nucleo di opere dei primitivi piemontesi.
Ciò determina un cambiamento dell’essenza del Museo Civico, poiché inizia a rivolgere l’attenzione non solo alle arti decorative, ma anche alla pittura. Il nipote, Marco Galateri, condivide la passione del nonno per il collezionismo d’arte, in particolare per la pittura primitiva, per i libri antichi, le miniature e i codici islamici.

Inoltre verrà presentata, dal coordinatore del Catalogo Generale Fabio Cafagna, un mirabile esempio di collezione privata presente sul territorio piemontese: la Collezione di Francesco Federico Cerruti (Genova, 1922-Torino, 2015), composta da trecento opere scultoree e pittoriche che spaziano dal medioevo al contemporaneo. Cerruti, uno dei più importanti tipografi italiani del Novecento, era anche un esperto e un attento collezionista. Segnaliamo nella sua collezione: Ritratto di Gentiluomo con libro e guanti (1540-1541) di Pontormo, Jeune fille aux roses (1897) di Pierre-Auguste Renoir, Ritratto di Viktor Ritter von Bauer (1917) di Egon Schiele, Donna con vestito giallo (1918) di Amedeo Modigliani, Achrome (1959) di Piero Manzoni, Concetto Spaziale, Attese (1965) di Lucio Fontana.

L’incontro si concluderà con un’intervista a due figure che rispecchiano a pieno la figura del collezionista: da un lato Marco Viglino, conoscitore profondo e collezionista del secondo futurismo, all’altro lato Andrea Barin, artista torinese con una passione irrefrenabile per il collezionismo di opere d’arte piemontesi di inizi Novecento.

L’ evento verrà trasmesso anche in diretta streaming sul sito https://www.santagostinoaste.it/.
La partecipazione in sala è gratuita fino ad esaurimento posti ed è subordinata all’iscrizione.

INFO

Il collezionismo in arte
Torino, mercoledì 8 marzo 2023, ore 18.00

Programma
Francesco Poli: Il collezionismo nel ‘900 e oggi
Fabio Cafagna: La collezione di Francesco Federico Cerruti
Doriana Guglielmetto Mugion incontra Marco Galateri: Collezionare primitivi piemontesi. Una tradizione di famiglia: le eredità della collezione Fontana
Marco Viglino: Un percorso di collezione
Andrea Barin: L’artista collezionista
Modera: Vanessa Carioggia

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
ONLINE – CONNESSIONI CULTURALI 4 incontri virtuali alla scoperta di Milano