André Butzer, Untitled, 2020 Acrylic on canvas, 226 x 198.5 x 2.7 cm Photo: Fabio Mantegna

André BUTZER alla Gió Marconi di Milano

Per la sua quinta personale alla galleria Gió Marconi André BUTZER torna a realizzare i suoi personaggi più iconici con nuove opere che ammiccano al mondo dei cartoon.

Nella sua ultima mostra del 2018, André Butzer aveva presentato da Gió Marconi gli N-paintings, una serie di opere monocromatiche nere. Dall’11 giugno al 23 luglio 2021 l’artista torna a esporre in galleria, e alla sua quinta personale offre un nuovo sorprendente capovolgimento del suo lavoro, esponendo una selezione di opere su carta e un gruppo di inediti dipinti astratti e figurativi dai colori audaci in cui tornano protagonisti i suoi personaggi più iconici.
Tra i più rilevanti artisti tedeschi contemporanei, André Butzer esplora le possibilità del medium pittorico, sviluppando un universo personale e fortemente espressivo che spazia dalla storia tedesca e americana alla cultura, dalla politica alla storia dell’arte, fino al mondo dei fumetti e dei cartoni animati. Nei suoi nuovi lavori si colgono tanto riferimenti ai personaggi creati da Walt Disney, quanto alla fantascienza fino all’Espressionismo.

IL DIALOGO

CM: Molto tempo fa hai parlato di “Tempo-Oggi” e “Tempo-Mai”.
AB: C’era questa cosa… C’è anche Tempo-Ora. Tempo-Mai è N. Oggi è Tempo-N. Oggi è sempre N.
CM: N è una visione onirica?
AB: No. N non è niente di desiderabile. In realtà è, come sappiamo, molto più difficile.
CM: Nessun posto dove stare.
AB: No.
CM: Cosa sarebbe uno stare, uno stare desiderabile?
AB: (…) Passeggiate mattutine e passeggiate serali. Stare fuori fa bene.
CM: Un “momento magico” sia dentro che fuori il tempo? O è qualcosa di diverso?
AB: Magico, tutto è magico. C’è solo magia, anche. Ma questo non ha niente a che fare con il tempo. La magia è pre-scientifica e post-scientifica. La magia è sempre.
CM: Prima e dopo la ragione?
AB: La fine della scienza. La fine delle scienze è imminente. Ora siamo pre-magici, in tempi pre-magici.
CM: Si dipinge perché il linguaggio fallisce?
AB: Come dovrei saperlo? Sto solo facendo il mio lavoro (…)
CM: La pittura nasce da immagini a ritmo?
AB: Ritmo, forse. Ma… è troppo generale.
CM: La monotonia è un tratto caratteristico dell’arte, la ripetizione, l‘iterazione?
AB: Non è mai monotono, vero? Sempre diverso. Ecco perché non è necessario fare qualcosa di diverso, ma sempre e solo la stessa cosa. Senza alcuna intenzione. Non puoi fare qualcosa di diverso intenzionalmente. È davvero, davvero brutto. Veramente. È così brutto, fare intenzionalmente le cose in modo diverso. Non dovresti farlo. Devi fare la stessa cosa.
CM: Hai pensato alla semplicità, sia nella musica che nell’arte.
AB: Non ho mi pensato ad altro.
CM: Molto semplice, quasi folcloristico. Come i Meat Puppets, che abbiamo ascoltato ieri sera. Molto semplice, ma molto complesso.
AB: Sì, sì, ma senza alcuna intenzione. Proprio come faccio io, folklore.
CM: Senza sforzo, sereno?
AB: Questo non lo so, ma sicuramente penso che in entrambi i casi sia arte popolare. Devi dire altrettanto.
CM: È questa la verità?
AB: Sì, la verità è tutto ciò di cui si tratta. Vicinanza alla verità. Mentire non è interessante. Alcune persone si sono occupate di bugie per molto tempo. Non lo facciamo più, invece facciamo arte popolar-verità.
CM: Il passato aiuta?
AB: Sempre.
CM: Il futuro aiuta?
AB: In ogni caso.
CM: Entrambi insieme?
AB: Si tratta di conservazione. Anche il futuro deve essere conservato.
(…)
Estratto da una conversazione tra Christian Malycha e André Butzer
Altadena, California, 13–14 gennaio 2021

André Butzer – Untitled , 2021
Pencil on paper 21.5 x 14 cm
32 x 24.8 x 4 cm (framed)
Photo: Fabio Mantegna
André Butzer Untitled , 2021
Watercolour, pencil and crayon on paper
27.9 x 21.5 cm
38.7 x 32.2 x 4 cm (framed)
Photo: Fabio Mantegn

INFO

André BUTZER
11 giugno – 23 luglio 2021
GióMARCONI
Via Tadino, 20 – Milano
dal lunedì al venerdì, dalle 11 alle 19

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Biennale Architettura Sneak Peek. Da domani online il nuovo progetto digitale della 17. Mostra Internazionale di Architettura 2021