Alessandro-Di-Pietro-PREHISTORYBOARD-1-2020-Alluminio-160-x-130-x-6-cm-

Alessandro Di Pietro Ghostwriting Paul Thek: Time Capsules and Reliquaries alla Fondazione Nicola Del Roscio di Roma

La Fondazione Nicola Del Roscio presenta fino al 5 aprile 2024 “Ghostwriting Paul Thek: Time Capsules and Reliquaries”, mostra personale di Alessandro Di Pietro.

Il percorso espositivo si compone di un nucleo di nuove sculture, un dipinto e un’opera video di Alessandro Di Pietro, concepiti in relazione alla vita e all’opera dell’artista americano Paul Thek (1933-1988). Durante la residenza presso l’American Academy di Roma nel 2017, Di Pietro ha iniziato a lavorare a una storia immaginaria in cui Thek non sarebbe prematuramente scomparso, ma avrebbe proseguito post mortem la sua pratica di artista. Fondendo consapevolmente realtà e finzione, il progetto evoca l’impatto duraturo e fantasmatico di Thek nel lavoro degli artisti di oggi.

“Il mio intento era quello di lavorare come ghostwriter di Paul Thek” spiega Di Pietro “ho continuato le sue misteriose narrazioni con il mio linguaggio, adattandolo ai discorsi che circondano la storia di oggi: narrazioni socio-politiche e fatti del nostro tempo. Il mio processo è stato immaginare come una storia – in questo caso, la storia del lavoro di un artista – sarebbe continuata se non fosse stata interrotta”.

Ghostwriting Paul Thek: Time Capsules and Reliquaries segue la recente residenza e mostra di Di Pietro al Watermill Center di New York (USA), partner del progetto. Centro di sperimentazione contemporanea e sede ufficiale di un consistente nucleo di opere e documenti di Thek, il contesto del Watermill ha innescato la genesi di Race of a Hippie, il cortometraggio realizzato in collaborazione con lo studio No Text Azienda, ispirato all’iconica scultura di Thek The Tomb (spesso chiamata Death of a Hippie), del 1967.
Oggi non più esistente, The Tomb consisteva nel calco a grandezza naturale del corpo dell’artista collocato all’interno di una ziggurat, mettendo in scena morte e resurrezione dell’artista. Le sculture Baby Cast, Br’er Rabbit, To Wong e il dipinto Televisione/Collaborazione – opere che danno forma a strategie artistiche sovversive, attingendo a fatti biografici e sociali di un presente continuo, che dagli anni Sessanta si estende al contemporaneo. Bilanciando realtà e finzione ed esplorando le questioni relative all’influenza, i temi di appropriazione e attribuzione, e all’azione artistica esercitata dagli Stati Uniti, la mostra mette in luce l’eredità del duraturo e sfuggente lavoro di Paul Thek.

Concentrandosi sui processi di normalizzazione e deviazione dallo standardizzato e dal canonico, le opere di Di Pietro guardano ai dibattiti ottocenteschi sulla mostruosità e le anomalie nell’anatomia umana e animale, immaginando future manifestazioni di questo discorso, attraverso ambienti di oggetti performativi. Egli esplora come la rappresentazione dell’alterità e della mostruosità possa essere considerata utopica in una realtà contemporanea in cui tutto è indicizzato e ipernormalizzato. Il suo approccio attinge alle fonti delle strutture linguistiche e della grammatica cinematografica, creando ambienti che generano nuove realtà.

In continuità con Paul Thek. Italian Hours, tenutasi alla Fondazione Nicola Del Roscio nel 2022 – la prima mostra dedicata a Thek in Italia dal 1995 – il lavoro di Di Pietro esplora ulteriormente il ruolo dell’artista americano che continua a popolare le riflessioni degli artisti contemporanei come precursore e collaboratore. Ghostwriting Paul Thek sottolinea la missione della Fondazione Nicola Del Roscio nel sostenere gli artisti emergenti, in particolare quelli che si confrontano con l’opera dell’avanguardia del dopoguerra. La mostra sarà anche l’occasione per presentare altri lavori recenti di Di Pietro, nati intorno al clima creativo di Ghostwriting Paul Thek.

La produzione delle nuove opere, così come il programma di mostre, talk, screening e workshop che accompagna la loro presentazione nel corso del 2023-2024 è stato possibile grazie al sostegno dell’Italian Council (XI edizione, 2022), programma di promozione internazionale dell’arte italiana della Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura. Il progetto è stato presentato dall’associazione culturale Palazzo Monti, Brescia.

Prima di giungere alla Fondazione Nicola Del Roscio, la mostra è stata presentata al Watermill Center, al CAN-Centre d’Art Neuchâtel, Svizzera, e a Palazzo Monti, Brescia. Dopo la tappa romana, i cinque lavori del nucleo Ghostwriting Paul Thek entreranno a fare parte della collezione pubblica del museo Madre di Napoli.
Tra gli eventi collaterali alle mostre: il talk e la proiezione di Race of a Hippie, tenutisi a novembre 2023 alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, e il workshop dell’artista presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino, in programma ad aprile 2024. Il libro che accompagna la mostra – concepito in dialogo con l’artista, curato da Miller e Mattiacci e pubblicato da Mousse – sarà presentato al Madre nel maggio 2024, in occasione dell’ingresso delle opere in collezione.

INFO

Alessandro Di Pietro
Ghostwriting Paul Thek: Time Capsules and Reliquaries
A cura di Peter Benson Miller e Cornelia Mattiacci
Fino al 5 aprile 2024

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Luce, materia e colore Guerrino Tramonti a Milano nel trentennale della scomparsa