Roma, MUSEO DEL MAXXI 18 02 2020 ANTEPRIMA E PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA REAL_ITALY INTERVENGONO Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI Nicola Borrelli, Direttore Generale Creatività Contemporanea del MiBACT Bartolomeo Pietromarchi, Direttore MAXXI Arte ©Musacchio, Ianniello & Pasqualini

Al MAXXI di Roma la mostra REAL ITALY

Il MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo prosegue la riapertura dei suoi spazi e delle mostre in maniera graduale, con l’impegno di garantire un’esperienza di visita serena, nel rispetto delle norme sulla sicurezza. Dopo Gio Ponti.

Ha riaperto REAL_ITALY, inaugurata solo poche settimane prima del lockdown e prorogata fino al 26 luglio.
La mostra è un affresco della scena artistica italiana più attuale, attraverso i lavori di 13 artisti vincitori del programma Italian Council 2017 della Direzione Generale Creatività Contemporanea del MiBACT.

Esposte le opere di: Alterazioni Video, Yuri Ancarani, Giorgio Andreotta Calò, Leone Contini, Danilo Correale, Nicolò Degiorgis, Flavio Favelli, Anna Franceschini, Eva Frapiccini, Alice Gosti, Margherita Moscardini, Luca Trevisani, Patrick Tuttofuoco.

Riaperto al pubblico anche il focus Elisabetta Catalano. Tra immagine e performance, che propone gli straordinari ritratti Joseph Beuys, Fabio Mauri, Vettor Pisani e Cesare Tacchi durante la creazione di alcune tra le loro performance più iconiche.

REAL_ITALY

L’installazione Incompiuto. La nascita di uno stile di Alterazioni Video presenta un atlante, potente e al contempo inquietante, delle architetture pubbliche incompiute disseminate sul territorio italiano. Nel film San Vittore Yuri Ancarani indaga il carcere e la sua architettura, soffermando lo sguardo sul rapporto tra i bambini in visita e i loro genitori detenuti.

Di Giorgio Andreotta Calò in mostra due opere fotografiche, risultato dell’intervento monumentale Anastasis | άνάστασις che l’artista ha realizzato nell’edificio di culto più antico di Amsterdam, Oude Kerk, indagando così il processo fotografico nei suoi molteplici significati. Il corno mancante di Leone Contini è un’imponente installazione il cui video racconta la ricerca impossibile di un frammento della scultura del “Distruttore della Morte”, recuperata monca a seguito del bombardamento di Castello Sforzesco e delle sue raccolte etnografiche nel ‘43. L’opera video Diranno che li ho uccisi io di Danilo Correale è dedicata al cinema e al suo ruolo nella definizione della società contemporanea e indaga temi quali il colonialismo, il femminismo, la lotta di classe e la religione, raccontati attraverso la ricostruzione di sceneggiature di film italiani mai realizzati.

Nelle fotografie di Le Baron Chéper, Nicolò Degiorgis osserva le periferie urbane attraverso le architetture intensive di Grenoble e la loro interazione con la natura che le circonda, colte nella luce intima e speciale della sera. Memoria, storia personale e collettiva, dialogo con i luoghi sono al centro dell’opera Serie Imperiale (Zara e RSI) di Flavio Favelli, che ha per soggetto due francobolli della serie omonima prodotti durante il Fascismo. Ispirata ai caratteri formali del lavoro di Carlo Mollino, l’installazione CARTABURRO di Anna Franceschini esplora le implicazioni psicologiche e sociali dello sguardo dell’architetto torinese sul corpo femminile.

Come diventare un partigiano di Alice Gosti, danzatrice e coreografa di formazione, racconta, attraverso gli elementi presenti in mostra, la performance di cinque ore che l’artista ha realizzato indagando la Resistenza Partigiana. Il progetto The Fountains of Za’atari di Margherita Moscardini esplora una diversa e possibile idea di comunità e cittadinanza nei campi profughi, attraverso un dispositivo di vendita di modelli di cortile con fontana da lei realizzati su disegno di quelli presenti nel campo di Al Za’atari in Giordania. Il Pensiero che non diventa Azione avvelena l’Anima di Eva Frapiccini è un archivio in continuo divenire in cui l’artista indaga la dimensione intima del lavoro di magistrati, giornalisti, sindacalisti, polizia nel far fronte alle mafie. Dream Republic 224 di Luca Trevisani è un monumento alla quiete attraverso le immagini di artisti invitati da Trevisani a dormire nella stanza 224 del Grand Hotel Et Des Palmes di Palermo, dove lo scrittore Raymond Roussel perse la vita nel ’33. Nata come intervento di arte urbana, la scultura neon ZERO (Weak Fist) di Patrick Tuttofuoco, una mano che si sta aprendo in segno di accoglienza e inclusione, viene esposta per la prima volta all’interno di uno spazio espositivo.

INFO

www.maxxi.art
 www.maxxi.vivaticket.it

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Beni Bischof “Intensity Intensifies” al Museo d’arte della Svizzera italiana di Lugano