#studiovisitonline: GIOVANNA LACEDRA

Proseguono anche in questa Fase 2 dell’emergenza pandemica gli Studio Visit on line dove, in maniera virtuale, entriamo nei luoghi all’interno dei quali gli artisti realizzano, in questo periodo di emergenza, le loro idee creative e chiacchieriamo un po’ con loro della loro arte, delle varie opere, del particolare momento in cui stiamo vivendo e scopriamo quale è il loro Manuale di sopravvivenza alla quarantena e alla Fase 2.

L’appuntamento di oggi è con: GIOVANNA LACEDRA

IL VIDEO 

LA GALLERY 

CHI E’ GIOVANNA LACEDRA

Nasce nel 1977 a Venosa (PZ). Nel 2000 consegue il diploma di laurea in pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze. Nel 2004 consegue l’abilitazione all’insegnamento presso l’Università di Pisa. Si trasferisce poi a Milano dove vive sino al 2019. Attualmente risiede a Ravenna, dove lavora come docente di storia dell’arte e disegno presso un liceo scientifico statale, artista visiva, performer e autrice. Come performer si è esibita sia in progetti di altri artisti, quali: “La bara del Bastardo” di Daniele Alonge – 2011; “Yummy Good!” di Manuela De Merito – 2011, che in propri
Dal 2011 al 2020 ha portato in scena, con un tour itinerante che ha toccato ben 14 tappe in gallerie, musei e spazi espositivi italiani e in città come Milano, Sassuolo, Cesena, Pescara, Lecce, Napoli, etc… la Performance Confessional “Io Sottraggo. La Triangolazione Cibo-Corpo-Peso”, un progetto riguardante la patologia anoressico-bulimica, da lei ideata, scritta e interpretata. A Milano la performance è stata portata in scena anche presso il Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” in occasione della fiera d’arte contemporanea Step09 Art Fair, nel novembre 2011, a Venezia è andata in scena il 9 maggio 2015, in concomitanza con l’apertura della 56 Biennale Internazionale di Arte Contemporanea, e ha fatto parte della V Biennale d’arte di Anzio e Nettuno. Nel 2020 la performance torna in scena in chiave rivisitata, all’interno della fiera di Arte Contemporanea bolognese Booming Art Show. La performance è stata introdotta nelle tesi di laurea di alcune studentesse del Dams e della Facoltà di Beni Culturali, per gentile concessione dell’artista. Inoltre, la scuola di Giornalismo “Walter Tobagi” dell’Università Statale di Milano ha realizzato una video-intervista in occasione di Expo2015, pubblicata sulla piattaforma ExpoStories.
Nel settembre 2013 nasce la performance “L’Aspirante”, un nuovo progetto che affronta il tema della prevaricazione e della violenza di genere, intellettuale e psicologica, prima che fisica, sbocciato dalla rilettura dell’omonima poesia di Sylvia Plath e dei suoi Diari. Ideata, scritta e interpretata da Giovanna Lacedra e Roberto Milani, la performance è andata in scena tra il 2013 e il 2015 presso le seguenti location: galleria d’Arte Amy-D di Milano, fiera d’arte ArtVerona, per CUNTemporary Art|Feminism|Queer di Londra, Galleria Comunale Ex Pescheria di Cesena, con Patrocinio del Comune e dell’Assessorato Politiche delle Differenze Casa Museo di Ludovico Ariosto a Ferrara, Chiostro di Voltorre a Gavirate (Varese) per la mostra “la neve non ha voce” a cura di Alessandra Redaelli.
Nel maggio 2014 a partire dall’omonima poesia di Vittorio Varano, scrive e porta in scena la performance “Come il mare in un Bicchiere”, con la partecipazione performativa di Irene Lucia Vanelli. La performance viene realizzata tra il 2014 e il 2015 presso: 77Art Gallery di Milano, MAG – Marsiglione Art Gallery di Como, “CORPO | Festival di Arti Performative” di Pescara, V Edizione a cura di Ivan D’Alberto e Sibilla Panerai. Nel giugno 2014 ha portato scritto e portato in scena, prima presso la Casa Museo di Ludovico Ariosto a Ferrara e poi presso l’ArtFarm Pilastro di Bonavigo (Verona), una performance articolata sui versi dell’ultima poesia di Sylvia Plath e su un percorso di 100 acquerelli che la ritraggono come innumerevoli sindoni-tracce, titolata “EDGE | Ultimo Ritr-Atto”.
Nell’autunno 2014 scrive e porta in scena una performance sull’infanzia abusata, liberamente ispirata al libro “I quaderni delle bambine” della psicologa Maria Rita Parsi. La performance si intitola NONSONOMAISTATAUNABAMBINA. Si esibiscono con lei il fotografo e attore Massimo Festi e la piccola Giulia Fumagalli. I monologhi sono di Giovanna Lacedra, le musiche di Larva Casei. Le tappe sono due: Palazzo Pirola, Gorgonzola (MI) e Galleria Biffi Arte di Piacenza. Entrambi gli eventi fanno parte della rassegna “Femminile Plurale” a cura di Alessandra Redaelli.
NONSONOMAISTATAUNABAMBINA viene rivisitata in chiave “assolo” nel febbraio 2016 e pertata in scena in tale versione presso lo spazio espositivo InStudio di Marcello Gobbi a Brescia il 27 febbraio, in occasione della mostra “Umbra et Imago” di Roberto Messina.
EMOTIONAL REVOLUTION [LE MANI IN PASTA AL CUORE] è invece una performance in cui l’azione diventa rovesciamento del vuoto in nutrimento, una rivoluzione emozionale in cui dalle briciole si risorge. Viene portata in scena per la prima volta il 19 marzo 2016, presso Con-Temporary Art Circle, studio di Saba Najafi a Milano, per Studi Festival 2016. In seconda tappa, 25 giugno 2016, presso il festival “LA VOCE DEL CORPO” IV edizione – Osnago (Lecco).
FEELING-CAGE, performance progettata e portata in scena per la prima volta il 12 aprile 2016 a Parma, presso Alphacentauri in occasione della rassegna “Follow The Banana” tratta il tema della perdita di se stessi all’interno di una gabbia annichilente e azzerante. Seconda tappa, 14 maggio 2016, “ART ACTION” Festival Internazionale di poetiche performative – Musei Civici di Monza.
PARADEIGMA, è un lento rituale interattivo che vuole simbolicamente risvegliare il modello fondamentale, archetipico, iniziale, nato con la nostra stessa vita. Il daimon. L’immagine destinica. La vocazione dimenticata, ma che ci determina nella nostra irripetibilità, secondo Platone, Jung e Hillman. Performance realizzata il 22 ottobre 2016 presso la Galleria Punto Sull’Arte di Varese, a cura di Alessandra Redaelli. Con pubblicazione in catalogo.
LASCIARSI CADERE | LET IT FALL è un’azione performativa che invita l’individuo a non fuggire, bensì a lasciarsi andare al proprio dolore. A lasciarsi cadere in esso. Senza recidere alcun ricordo, senza strappare alla memoria alcuna pagina. Perchè abbandonarsi non equivale a perdersi, ma ad attraversarsi. Per ritrovare, mediante la lenta vivisezione di quanto è stato pervasivo, il proprio autentico respiro. Live: 16 maggio 2017. Galleria d’Arte Villa Contemporanea – Monza.
AMPLEXUS MATER è un inno alla maternità, e alla sacralità del corpo di una madre, che dalla sua stessa materia viva, dal suo stesso sangue, dalla sua stessa carne, dai suoi stessi liquidi, da suo stesso humus genera la vita. Ispirata al concetto di deità femminile diffuso in età Paleolitica, ripristina l’idea di Dea Madre, rivisitando la primordiaità con cui gli uomini di tale epoca la intendevano. Live: 28 luglio 2017. Napoli Sotterranea. ArtPerforming Festival. A cura di Gianni Nappa.
EAT ME(AT) | BLOOD AND WORDS è un’azione che riflette sulla violenza e sul carattere manipolatorio delle parole. Parole che, se ribadite nel tempo, infragiliscono nel legame chi le subisce, manipolandone la psiche in maniera subdola e difficilmente riconoscibile. Perchè in ogni legame o interazione tra due persone, le parole hanno sempre un peso specifico. E in alcuni casi diventano violenza psicologica effettiva. Live: 30 luglio 2017. Palazzo Risolo. Specchia – Lecce. Le Fil Rouge.
LE GABBIE DI VINCENT [Fuga in giallocromo] è un performance che indaga le parole semplici, autentiche e profonde di un artista la cui biografia ha sovente sopraffatto la sua autentica ferocia poetica, pittorica e verbale. Una performance in cui l’energia vitale, quell’alta nota gialla, torna al corpo, alla pelle, alla carne, all’anima. Come una pioggia di luce che restituisce libertà. Live: 7 luglio 2018 – Festival La Voce del Corpo – V edizione, Osnago (Lecco).
L’OMBRA DEL BIANCO VEDUTO DAL SOLE è una performance che pone al centro dell’azione Caterina, la madre strappata, che non c’è stata, ma che in verità è stata sempre presente nella vita di Leonardo. Presente nella mancanza, nella memoria, nella ricerca. In una pittura evocativa. E persino nella discrezione con cui egli non ne fece parola. L’OMBRA DEL BIANCO è la voce di questa madre, così marginale, velata e misteriosa. Live: 17 maggio 2019. PARMA360 Festiva. IVedizione. A cura di Chiara Canali. Installazione di Michele Giangrande.
CLARESCERE è una performance sul faticoso cammino che ciascuno fa per recuperare se stesso da un qualche buio. Clarescere è la fatica di divenire chiari. A se stessi. Di farsi Luce e tornare a manifestarsi a se stessi. In un tempo necessario, di una lentezza necessaria. In punta di piedi. Come un’equilibrista. Reggendo il peso del proprio veleno in un’ampolla vitrea. Live: 11 giugno 2019 presso Calisto Cafè, Vailate (CR)
DALL’ULTIMA VOLTA CHE SONO NATA è una performance a quattro mani, nata dalla collaborazione con la scrittrice e performer Paola Turroni, l’azione si costruisce sulla trama di alcune sue poesie. È una performance che pone al centro la bestialità del dolore che è morte per una nuova rinascita. Siamo animali quando stiamo nel profondo di un dolore tanto da renderlo “Luogo”. Live: 28 settembre 2019 – Galleria Villa Contemporanea. Monza.
WHAT IS LOVE? La prima performance realizzata in streaming, quindi senza pubblico presente. Una perfomance durational, realizzata in diretta Facebook dalla pagina pubblica “Giò Lacedra” per l’evento FREE PERFORMANCE ART curato da Kyrahm, che ha conivolto performer da tutto il mondo, connessi e in azione nelle 24 ore del 2 maggio 2020. WHAT IS LOVE? È un’azione-riflessione sulla manipolazione psicologica e la violenza domestica in aumento durante il lockdown da Covid19.

Giovanna Lacedra ha partecipato a progetti fotografici di Massimo Prizzon, Pablo Peron, Christian Zucconi, Marco Chiurato, Franco Donaggio, Antonio Delluzio, Massimo Festi.
Ha scritto testi critici per artisti come: Elisa Anfuso, Anna Caruso, Paola Mineo, Urban Solid, Daniele Duò, Pep Marchegiani, Alessio Bolognesi, Alessandro Carnevale.
È autrice per Wall Street International Magazine, sezione Arte, e cura una propria rubrica “Per Voce Creativa”, in cui intervista donne artiste.

WEB & SOCIAL

Sito ufficiale: https://giovannalacedra.wixsite.com/giovannalacedra
Canale Vimeo: https://vimeo.com/user22561378
Instagram: https://www.instagram.com/giovannalacedra/?hl=it
Facebook: https://www.facebook.com/gio.lacedra

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
#studiovisitonline: PIETRO SGANZERLA