#studiovisitonline: GIANLUIGI COLIN

In questa situazione di massima emergenza abbiamo pensato di organizzare degli StudioVisit on line dove, in maniera virtuale, entriamo nei luoghi dove gli artisti realizzano, in questo periodo di quarantena, le loro idee creative e chiacchieriamo un po’ con loro della loro arte, delle varie opere, del particolare momento in cui stiamo vivendo e scopriamo quale è il loro Manuale di sopravvivenza alla quarantena.
L’appuntamento di oggi è con: GIANLUIGI COLIN

IL VIDEO 

LA GALLERY 

Le immagini dei suoi lavori scelta dall’artista

CHI E’ GIANLUIGI COLIN

Gianluigi Colin (Pordenone, 1956) conduce da molti anni una ricerca artistica intorno al dialogo tra immagini e parole. Il suo lavoro nasce come investigazione sul passato, sul senso della rappresentazione, sulla stratificazione dello sguardo. Si tratta di una poetica densa di richiami alla storia dell’arte e alla cronaca, che tende a porre sul medesimo piano memoria e attualità, facendo sfumare i confini tra le epoche. Una poetica dal forte impegno civile ed etico, che vuole restituire all’esperienza artistica forti valenze militanti.
Personalità eclettica, Colin è stato per molti anni art director del Corriere della Sera, attualmente è cover editor del supplemento culturale la Lettura di cui è stato co-fondatore. Tiene conferenze, seminari e corsi universitari. È autore di numerosi saggi, articoli e interviste dedicati alla fotografia e all’arte contemporanea.

Sue personali si sono tenute in numerose città italiane e straniere. Tra le sue mostre, da segnalare quelle all’Arengario di Milano (1998), al Centro Cultural Recoleta di Buenos Aires (2002), al Museo Manege di San Pietroburgo (2003), al MADRE di Napoli (2011) , alla Bienal del Fin del Mundo a Ushuaia(2011), al Museo IVAM di Valencia (2011), alla Fondazione Marconi a Milano (2012), alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Pordenone  (2013), al museo MARCA a Catanzaro (2016), in Triennale a Milano, (2018), all’Ex Ospedale San Rocco, Matera (2019), al Palazzo del Governatore di Parma (2019). Protagonista di performance organizzate in varie parti del mondo, è stato invitato a Valencia09 (presso l’IVAM di Valencia nel 2009) e selezionato per il Padiglione Italia della 54a esposizione d’Arte Internazionale della Biennale d’arte di Venezia. Sue opere sono presenti in collezioni private, musei e istituzioni pubbliche in Italia e all’estero. Vive e lavora a Milano.

WEB & SOCIAL 

http://www.colin.it/
https://www.instagram.com/gianluigi_colin/?hl=it
https://www.facebook.com/gianluigi.colin


HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Luciano Fiannacca “Il segno ritrovato” a Milano