“Shapeshifting” mostra personale di Myvanwy Gibson a Supergiovane di Milano

Supergiovane presenta Shapeshifting, mostra personale di Myvanwy Gibson, a cura di Mattia Lapperier.

Il processo di ricerca intrapreso da Myvanwy Gibson è il risultato della convergenza di medium diversi che, armonicamente, giungono a una piena e compiuta integrazione tra loro. L’essere umano, la tecnologia e la natura rappresentano per l’artista tre polarità dialettiche che dischiudono, interconnesse tra loro, nuove opportunità di conoscenza. Il video, la fotografia e i software di elaborazione digitale delle immagini sono intesi come strumenti utili all’essere umano per distaccarsi da sé, al fine di abbracciare nuove possibilità di conoscenza; possibilità che si trovano già insite nella natura stessa.

Myvanwy Gibson recepisce la fluidità del mondo contemporaneo, i radicali cambiamenti a cui è costantemente sottoposto, persino le contraddizioni più profonde. Le sue opere sono il riflesso di una mutazione continua, divenuta sistemica. Le sue stampe digitali, così come le installazioni su plexiglass, accolgono al loro interno stratificazioni plurime, esito di un processo che affonda le proprie origini nella videoarte, praticata dall’artista sin dagli esordi. Le composizioni astratte di Myvanwy Gibson sono il frutto di un automatismo; un processo non del tutto conscio che induce l’artista in uno stato di intimo ricongiungimento con la natura. Tale approccio libero, gestuale, sottratto a un rigido controllo razionale, determina la manifestazione del dato naturale. Esso non appare simulato o manipolato dall’artista, che si limita piuttosto a creare le condizioni perché tali interconnessioni si verifichino e, di conseguenza, si rivelino da sé. Una natura selvaggia, primigenia e senziente pare sgorgare indisturbata dai suoi lavori. Le violente accensioni cromatiche, così come gran parte delle texture che caratterizzano le sue opere rimandano alle molte specie di rettili e volatili originari, come lei stessa, dell’Australia.

Una forma che muta di continuo, metafora di un mondo in perenne divenire, allude anche a un auspicato processo di elevazione delle coscienze oltre i propri limiti e al di là di una concezione che pone l’uomo al centro di ogni cosa.

INFO

SHAPESHIFTING
MYVANWY GIBSON
A CURA DI MATTIA LAPPERIER
Via Mac Mahon 49 Milano
21 – 24 Ottobre
Opening Giovedì 21 Ottobre dalle ore 17.00 alle ore 21.00 // entrata libera
https://www.supergiovane.com/


HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Sentimento e osservazione Arte in Ticino 1850-1950 al Museo d’arte della Svizzera italiana