MINOTTI apre a WUHAN

Wuhan è la città dove tutto è iniziato. Due anni fa, in questa città cinese, scoppiava la pandemia. Il resto è storia. A due anni di distanza l’azienda di arredo contemporaneo Minotti apre nella città un flagship store.

Inaugurare uno showroom nel mondo per Minotti, a maggior ragione se si parla di un flagship store, è come aprire una porzione di casa propria, altrove. Non si tratta semplicemente di replicare un progetto all’infinito, ma di abbattere i confini: ciò che succede, si crea, si vede e si sente nell’headquarter di Meda viene trasferito nel mondo, attraverso interpretazioni sofisticate, sempre coerente con la cifra stilistica del brand.

Un progetto che, partito alla fine del 2019, ha visto finalmente la sua inaugurazione lo scorso febbraio nel Jianghan District. Lo showroom fa parte del CBD di Wuhan, chiamato Huafa Zhongcheng Commercial City, un nuovissimo distretto costellato da più centri commerciali.

La forma morbida e sinuosa dell’edificio, che lo fa assomigliare a un’organica prua diretta verso nuovi confini, ha animato di ottimismo i lavori che sono avanzati senza sosta. Il flagship store si sviluppa su due ampi livelli per un totale di 890 mq e, dall’esterno, si può accedere direttamente a entrambe le quote alle quali si trovano spazi espositivi, di accoglienza e di servizio.

La trasparenza della facciata del mall, caratterizzata da montanti verticali che ritmano la superficie in vetro, permette di intravedere già dal percorso esterno la presentazione delle ultime collezioni Minotti: un vedo-non vedo, tra vetrate e tende in lino grigio, che invita all’ingresso e a proseguire la visita all’interno dello showroom per scoprire le proposte Minotti.

Il carattere delle collezioni è in totale continuità per creare un concetto di casa a tutto tondo, coerente in ogni spazio e in ogni stagione, anche in ambito outdoor. Un ambiente, quest’ultimo, che si amalgama alla perfezione con l’estetica degli interni al punto che il confine tra dentro e fuori è dettato solo dai materiali utilizzati, non dagli arredi.

Il camino, iconico elemento degli spazi espositivi Minotti e la scala sinuosa – che come un nastro avvolto su se stesso lega i due livelli espositivi – sono i due punti cardine dell’architettura di questo nuovo showroom, insieme all’uso calibrato del dialogo tra luce naturale e artificiale e i colori delle superfici. Ogni cosa al suo posto, in assoluta armonia, per permettere allo spazio di essere innanzitutto un palcoscenico e non un protagonista ingombrante; di essere al contempo forte e intenso per poter accogliere gli ospiti in un luogo memorabile e dalla decisa connotazione estetica.

Aree living, dining e meeting si susseguono in un mix di arredi best-seller e soluzioni delle collezioni più recenti, tra i quali i sistemi di sedute Connery, Freeman e Alexander, le sedute Aston e Seymour – tutti a firma di Rodolfo Dordoni – il sinuoso sistema Daniels di Christophe Delcourt e le sedute Torii di Nendo. Ad animare gli spazi outdoor, il sistema modulare Quadrado di Marcio Kogan / studio mk27 e le poltrone Fynn Outdoor firmate GamFratesi.

Perché la casa Minotti a Wuhan è innanzitutto un luogo esperienziale di ospitalità e accoglienza dove assaporare il gusto (l’emozione, il sapore e persino il profumo) di entrare in una dimora del Made in Italy capace di raccontarsi in ogni luogo del mondo.

INFO

https://www.minotti.com/it


HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Chun Kwang Young: Times Reimagined a Venezia