LEA PORSAGER “ATU XIV ART’” in FuturDome di Milano

Da oggi, in omaggio al vuoto che ha segnato Milano, il più esteso intervento installativo mai realizzato nell’area mediterranea da Lea Porsager, verrà reso pubblico e visitabile in FuturDome fino al 15 dicembre 2020.

ATU XIV ‘ART’ (alchimia) è un’opera monumentale che sovverte ferocemente i fenomeni fisici come effetti di gravità e parallasse, esaltando il rapporto tra spazio e vuoto, come campi di battaglia di forze invisibili. L’opera sarà documentata nella prossima pubblicazione retrospettiva di Porsager, pubblicata da Mousse Publishing , in occasione dell’inaugurazione della sua mostra personale al Moderna Museet di Stoccolma, a novembre 2020. La mostra monografica si trasferirà in diversi musei scandinavi nel 2021.

Parallelamente ad ATU XIV ‘ART’, verranno proiettate parti inedite del film THE ANATTA EXPERIMENT girato da Porsager nel 2012 ad Ascona per dOCUMENTA(13), il film e gli extra inediti saranno accompagnati da una istallazione site specific eseguita nei seminterrati di FuturDome.
THE ANATTA EXPERIMENT ruota intorno al Monte Verità ad Ascona, in Svizzera. All’inizio del 1900, questa collina è stata una pietra miliare per la ribellione spirituale, attirando anarchici, sostenitori dell’amore libero, dadaisti, teosofi, psicoanalisti e occultisti, che rifiutavano una società sempre più materialista.

Alla fine dell’estate 2011, sette amici sono stati invitati da Porsager a Casa Anatta, l’edificio principale del Monte Verità, nei suoi ultimi momenti prima di essere sottoposto a un importante restauro. Casa Anatta è diventata teatro di una settimana di “caduta verticale” nelle leggi tantriche e nei processi normalmente oscurati dal rumore della produttività, trovando infine il suo fulcro nell’archivio di Harald Szeemann e nella sua sconcertante Strukturmutter del 1978.

INFO

LEA PORSAGER
ATU XIV ART’
a cura di Atto Belloli Ardessi e Ginevra Bria
10 settembre – 15 dicembre 2020

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Andy Warhol Super Pop: Through the Lens of Fred W. McDarrah alla Palazzina di Caccia di Stupinigi