DONNA due giovani raccoglitrici di zucche, ne portano via una ciascuno trasportandola sulla testa. fotografia di Ando Gilardi (parte della mostra Olive e bulloni - Ando Gilardi Lavoro contadino e operaio nell'Italia del dopoguerra 1950-1962) Qualiano (NA) 1955 circa

FOTO/INDUSTRIA 21 “Food” Bologna ULTIMI GIORNI ma 2 mostre proseguono fino al 2 gennaio 2022 Ando Gilardi al MAST e Jan Groover al MAMbo

Ultimi giorni per Foto/Industria 2021 a Bologna, la prima Biennale al mondo dedicata alla fotografia dell’Industria e del Lavoro, promossa e organizzata da Fondazione MAST, diretta da Francesco Zanot, che si conclude domenica 28 novembre.

Fanno eccezione le due importanti mostre di ANDO GILARDI Fototeca al MAST e JAN GROOVER Laboratory of forms al MAMbo, che proseguono e sono aperte al pubblico fino al 2 gennaio 2022.

Tra le figure più eclettiche e originali della storia della fotografia italiana, ANDO GILARDI è il protagonista della mostra allestita al MAST, che presenta reportage fotografici e materiali provenienti dal pioneristico archivio iconografico che Gilardi ha fondato nel 1959, la Fototeca Storica Nazionale, che contiene circa 500.000 immagini.

La mostra al MAST presenta una selezione degli innumerevoli materiali prodotti e raccolti da Gilardi sul tema dell’alimentazione, a partire dalle fotoinchieste realizzate negli anni ’50 e ’60, centrate particolarmente sul lavoro nei campi e nelle industrie, fino ai materiali conservati e riprodotti (rifotografati) nel vasto inventario che ha messo insieme: figurine, incarti, scatole, pubblicità, libri, riviste, erbari, fotografie di famiglia e molto altro ancora.

Fototeca è un’esplorazione dell’iconografia del cibo e del potere della fotografia nel mantenerla sempre viva, accessibile e rivedibile.

Nota per le sue nature morte, l’artista americana JAN GROOVER è oggetto di una retrospettiva al MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, dove le sue celebri fotografie di still life realizzate nella cucina della sua abitazione dialogano con le opere del pittore bolognese Giorgio Morandi custodite nelle sale del Museo.

Jan Groover si forma come pittrice, ispirandosi all’opera di artisti come Paul Cézanne, Giorgio Morandi e i minimalisti. Si dedica alla fotografia dall’inizio degli anni ‘70.

Tra i grandi protagonisti della natura morta, suscita presto l’interesse di critica e pubblico con una serie di oggetti fotografati nella cucina della sua abitazione combinando una sensibilità compositiva che rimanda ai quadri rinascimentali con l’eco delle istanze politiche e sociali del femminismo. Il suo lavoro, celebrato in una mostra personale al MoMA di New York nel 1987, prosegue fino al 2012 con una continua ricerca sulla forma degli oggetti e il loro inesauribile potenziale visivo.

Questa mostra, proveniente dal Musée de l’Elysée di Losanna, dove è conservato l’intero archivio dell’artista, costituisce la sua prima retrospettiva in Italia e coglie l’occasione per avvicinare il suo lavoro a quello del maestro Giorgio Morandi.

Ad accompagnare Foto/Industria 2021 il Photo Book/Ricettario FOOD, a metà tra volume di fotografia e libro di ricette pensate dallo chef e scrittore Tommaso Melilli, che ha interpretato le immagini e i temi delle mostre attraverso una ricetta originale.

INFO

FOTO/INDUSTRIA 2021 FOOD BOLOGNA
BIENNALE DI FOTOGRAFIA DELL’INDUSTRIA E DEL LAVORO
ANDO GILARDI -FOTOTECA
Fondazione MAST
Via Speranza, 42
Fino al 2 gennaio 2022

JAN GROOVER – LABORATORY OF FORMS
MAMbo-Museo d’Arte Moderna di Bologna
Via Don Minzoni, 14
Fino al 2 gennaio 2022

L’ingresso alle mostre è gratuito
www.fotoindustria.it

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
KLIMT. La Secessione e l’Italia al Museo di Roma a Palazzo Braschi