“C(to the power of)4” al Kunstmuseum di Vaduz, Liechtenstein

Apre la stagione espositiva concepita da Letizia Ragaglia per il Kunstmuseum la mostra “C(to the power of)4”, visitabile sino al 4 settembre 2022 tra le sale delle Skylight Galleries del Kunstmuseum.

Quattro artisti di rilievo internazionale sono stati invitati a misurarsi con le opere del Museo: l’iraniana Nazgol Ansarinia (1979), l’argentina Mercedes Azpilicueta (1981), la statunitense Diamond Stingily (1990) e il duo Invernomuto costituito dagli italiani Simone Bertuzzi (1983) e Simone Trabucchi (1982).

«C(to the power of)4 – spiega Letizia Ragaglia – celebra l’energia che gli artisti contemporanei portano in un museo: la C nel titolo della mostra si riferisce alla collezione come base e punto di partenza, ma evoca anche associazioni con ‘cooperazione’, ‘collaborazione’ e ‘contaminazione’».

Le tre artiste e il duo italiano Invernomuto sono stati invitati a scegliere un’opera dalla collezione integrandola nel proprio allestimento. Il risultato è un dialogo che getta le basi per l’orientamento futuro della programmazione del Kunstmuseum.

Questi artisti hanno in comune è il loro approccio narrativo che apre nuove prospettive sul passato offrendo lettura alternative alla luce della realtà odierna. Provenienti background culturali differenti, ciascuno di essi esplora con la sua opera tematiche come l’esclusione e le discriminazioni sociali, la storia delle sottoculture, le leggende del passato e le trasformazioni dello spazio urbano. Elementi biografici e rcordi personali punteggiano il percorso espositivo per costruire una nuova memoria collettiva

Attraversando C(to the power of)4 il visitatore si trova in un crossover interdisciplinare di performance e suono, in un percorso di mostra che si articola lungo quattro sale espositive in cui si generano incontri sorprendenti che restituiscono nuova vita alla collezione.

INFO

C4
Nazgol Ansarinia I Mercedes Azpilicueta I Invernomuto I Diamond Stingily
Fino al 4 settembre 2022

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
“Becoming Undead” con Julieta Aranda, Emanuele Coccia, Eben Kirksey, Elizabeth Povinelli in Triennale a Milano