#studiovisitonline: LUCA MISCIOSCIA

In questa situazione di massima emergenza abbiamo pensato di organizzare degli StudioVisit on line dove, in maniera virtuale, entriamo nei luoghi dove gli artisti realizzano, in questo periodo di quarantena, le loro idee creative e chiacchieriamo un po’ con loro della loro arte, delle varie opere, del particolare momento in cui stiamo vivendo e scopriamo quale è il loro Manuale di sopravvivenza alla quarantena.
L’appuntamento di oggi è con: LUCA MISCIOSCIA

IL VIDEO 

LA GALLERY 

Le immagini dei suoi lavori scelta dall’artista

CHI E’ LUCA MISCIOSCIA

Luca Miscioscia nasce a Milano il 28 aprile del 1985. 

Il processo di sperimentazione artistica inizia nei primi anni 2000 e trova immediata risposta nella pittura, con riferimenti all’art brut e al neo-espressionismo tedesco.
Frequenta il corso di pittura e successivamente si laurea in Comunicazione Didattica dell’Arte” all’Accademia di Belle Arti di Brera. 

Nel 2015 entra a far parte del team di una grande bottega artigianale nella zona popolare di Milano, qui non apprende solo le diverse tecniche di intelaiatura ma  si dedica anche alla conoscenza dei pigmenti.
Grazie a questa esperienza entra in contatto con diversi artisti della scena contemporanea.

La sua pittura si popola di personaggi disarmonici, androgini, isolati in solitudini condivise. Le ambientazioni, spazi vuoti o quasi, sono ricerca dell’indefinito, caratterizzate da prospettive impossibili o capovolte per eliminare ogni riferimento a spazio e tempo.

Le sue opere sono state presentate ad importanti fiere d’arte: Grandart, Affordable Art Fair (Milano), Baf ( Bergamo Arte Fiera), Arte Genova, Arte Padova.
Le sue opere sono presenti in importanti collezioni private in Germania, Cina e Israele.
Attualmente collabora con la Galleria Alessia Formaggio (Vigevano).

WEB & SOCIAL 

https://www.instagram.com/miscioscialuca/
https://miscioscialuca.tumblr.com/

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
29 ARTS IN PROGRESS gallery di Milano presenta la mostra “Back To Dance”: