Safet-Zec-Donna-in-preghiera-2023

SAFET ZEC Atelier d’artista al Padiglione Venezia Sestante Domestico

Safet Zec, artista bosniaco italiano di adozione espone al Padiglione Venezia della Biennale Arte 2024 Stranieri Ovunque.

Zec vive in Italia dal 1992 quando, fuggito dalla Bosnia dilaniata dalla guerra fratricida,
ha trovato a Venezia l’accoglienza, le condizioni e la forza per riprendere la sua attività di pittore e
incisore. La sua partecipazione al Padiglione Venezia non è solo una testimonianza artistica ma anche un
riconoscimento umano e civile di un profondo e reciproco legame con la città, divenuta sua seconda
patria.

“Sono stato profondamente gratificato dall’invito ricevuto a esporre al Padiglione Venezia – afferma
Safet Zec -, anche se arriva per me in età avanzata…E’ stata una sorpresa che mi ha riempito di gioia
e offerto ancora una volta l’occasione per mostrare le mie opere, non solo al pubblico veneziano ma
anche a quello europeo e internazionale. Con orgoglio ho considerato questo evento un segno di fiducia
e di continuità seguito alle molte occasioni che ho avuto di esporre le mie opere qui a Venezia, tra cui la
grande antologica al Museo Correr nel 2010 e il ciclo Exodus nella Chiesa della Pietà nel 2017.
Spero di essere un degno rappresentante della città di Venezia che oggi è anche la mia città, oltre che
della mia terra d’origine, dove spesso faccio ritorno.”

Safet Zec ha voluto ricostruire all’interno degli spazi espositivi del Padiglione Venezia, richiamandone il
tema, il suo atelier, la sua “casa”. “In questo spazio dove ho cercato di ricreare l’atmosfera lavorativa,
intima e personale, ma da sempre aperta agli incontri, del mio studio, che per decenni è stato a San
Francesco della Vigna – sottolinea l’artista – spero si possa cogliere in modo tangibile il mestiere della
Pittura, che è il mio mestiere.” Le immagini, le atmosfere, gli strumenti dell’atelier veneziano di Zec, suo
mondo, rifugio, origine e “grembo” di una attività artistica che rinasce e si rinnova, rappresentano il
fil rouge che conduce e accompagna la composizione di opere creata per il Padiglione.
L’esposizione presenta una selezione di opere non solo recenti. Ad accogliere i visitatori nello spazio che
conduce verso lo studio, dove pittura e poesia si incontrano, la prima grande opera Uomo e bimba
(2017), vibrante testimonianza del grido di dolore di Zec contro l’orrore della guerra e che si completa,
sul retro, con una tela delle stesse dimensioni. Qui, l’immagine di una donna che regge tra le braccia
con disperata tenerezza un bimbo, diventa rappresentazione metafisica del dolore universale. Lungo le
pareti si incontrano struggenti mani tese di una umanità che cerca, nella preghiera o nell’abbraccio,
aiuto, soccorso, pietas, in una sequenza quasi musicale.

Varcando la soglia di questo atelier della memoria, luogo fisico e, al contempo, interiore e introspettivo,
si intraprende un viaggio alla scoperta dell’identità di un artista fuori dal tempo e dagli schemi,
attraverso temi e soggetti che hanno accompagnato la sua vita: l’esplosiva bellezza delle chiome
d’albero accanto alle forme sublimi di un corpo femminile, nature morte, letti sfatti, finestre spalancate,
forme di pane di suggestione sacrale. E ancora, il tavolo da lavoro, raffigurato in una grande tela work
in progress, speculare al suo tavolo da lavoro dove gli strumenti del mestiere, la Pittura, si incontrano
creando un microcosmo che racconta la personale ricerca artistica di Zec. Colori, matite, tempere,
bulini, punte secche, pennelli, barattoli, tavolozze, dai quali l’artista riesce a trarre l’essenza più
profonda.

Opere dal segno personalissimo e inconfondibile, denso e poderoso, di struggente autenticità e potenza
che coinvolge immediatamente chi le osserva: oli, tempere, disegni a matita, schizzi e studi preparatori –
grandi dipinti e piccole tele – appoggiate ai muri, appese e sospese, posate sui cavalletti o a terra,
realizzate da Zec dal suo arrivo a Venezia ad oggi.
La pittura di Safet Zec, una vocazione totalizzante, che l’artista vuole condividere con il pubblico in
questo spazio “domestico e affettivo” di creazione, il suo studio, che diventa luogo di incontro, scambio
e condivisione, “fluisce con l’incontenibilità di un fiume in piena, possente e composita, lirica o tragica,
dolente o gioiosa. Perché è proprio questa l’impressione che si prova nell’accostarsi alla sua opera:
l’impeto tumultuoso di una scrittura solida, epica e classica, profonda e onirica…” – come affermato da
Giandomenico Romanelli.

“Ho sempre vissuto l’arte – sottolinea Zec – come una religione, con totale dedizione. Ho sempre avuto
una fede cieca nel valore dell’arte e nei valori che solo l’opera dell’artista arriva a trasmettere attraverso
un linguaggio senza barriere.”
“Il percorso umano e artistico di Zec – citando le parole di Stefano Zuffi – si è sviluppato lungo
l’Adriatico: prima sulla sponda dei Balcani, poi a Venezia. Non è solo un tragitto attraverso la geografia,
ma anche attraverso la storia: quella delle vicende individuali, lungo i decenni con cui si è chiuso il
Novecento e si è aperto il nuovo millennio; e quella di secoli di arte, profondamente amata e
intensamente rivissuta nello stile di Zec.”

La sua biografia è una storia scritta per immagini che, liriche o tragiche, dolenti o gioiose esprimono,
attraverso la potenza comunicativa della sua pittura, la gamma infinita dei sentimenti che hanno
attraversato la sua vita. Dalla tenerezza al dolore, dalla serenità alla disperazione, all’orrore di una
guerra sconvolgente e atroce che ha dilaniato la sua terra, al dramma dello sradicamento, della fuga,
della migrazione (temi affrontati nel poderoso e struggente ciclo pittorico Exodus), alla solidarietà e
all’accoglienza. Una gamma infinita di sentimenti che l’artista è riuscito a liberare e fissare sulla tela,
restituendoci immagini dalla intensa e profonda umanità capaci di scuotere anche l’indifferenza più
cieca.

“Esistono artisti – come espresso da Tomaso Montanari – ancora capaci di rappresentare il corpo
umano e insieme di farcelo sentire sacro. Safet Zec è tra questi: e non si riesce a non pensare che la
sua arte sia stata affinata dalla guerra che ha massacrato la carne viva della sua Bosnia…Forse è per
questo che la carne dei suoi quadri è carne viva, e carne sacra…”
“Vorrei ricordare di essere stato un profugo – sottolinea l’artista -, un uomo che ha dovuto
abbandonare il paese che amava, il paese dove è nato, vissuto, si è istruito, ha studiato…paese dilaniato
dalla guerra e dai nazionalismi. In Jugoslavia mi ero affermato e avevo acquisito una posizione di
prestigio nel mondo della pittura, che oggi mi viene altrettanto riconosciuta da Venezia, mia amata città
d’adozione.”

L’ARTISTA

Pittore e incisore, Safet Zec nasce nel 1943 a Rogatica, in Bosnia-Erzegovina.
Dopo gli studi compiuti alla Scuola di Arti Applicate di Sarajevo e all’Accademia di Belle Arti di Belgrado,
Zec diventa la figura centrale del movimento artistico chiamato “Realismo poetico”. Vive e lavora a
Belgrado fino al 1989. A partire dai primi anni Novanta si impone come uno degli artisti più importanti
del suo paese, presente nelle maggiori e più qualificate esposizioni internazionali.
Negli anni che seguono è di nuovo a Sarajevo, fino al 1992 quando, a causa della guerra che colpisce la
ex-Jugoslavia, è costretto a lasciare il proprio paese e arriva in Italia, prima a Udine e poi nel 1998 a
Venezia, che diventa per lui una seconda patria, alla quale oggi “appartiene”, non solo come cittadino
veneziano, ma come cittadino di nazionalità italiana.
In Italia Zec si ritrova a dover ricostruire non solo la propria esistenza, ma anche la sua produzione.
Lavora alacremente a nuove tele, a disegni e incisioni, tanto che già nel 1994 è pronto per la prima
mostra in Italia, nella quale espone le sue nuove creazioni. Solo una decina di tele arrivate da una
galleria tedesca si pongono a testimonianza della precedente attività di Zec.
Nel corso del tempo espone in Italia, in Europa e negli Stati Uniti, vantando all’attivo oltre cento mostre.
A partire dalla fine del conflitto nell’ex Jugoslavia, Zec riprende a frequentare assiduamente la sua terra.
Lo Studio-Collezione Zec, nel cuore di Sarajevo, è stato riaperto ed è divenuto un centro di iniziative
culturali, oltre che sede espositiva delle sue opere.
Oggi Safet Zec vive e opera tra Venezia e Sarajevo.

INFO

SAFET ZEC
Atelier d’artista
al Padiglione Venezia Sestante Domestico

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Rinviato al 16 giugno il Salone del Mobile di Milano