La-Pista-500-SUPERFLEX-It-is-not-the-end-of-the-world-Ph.-Sebastiano-Pellion-di-Persano-Credit-Installation-view-Pinacoteca-Agnelli-Torino.

Pinacoteca Agnelli: la nuova mostra Tiepolo x Starling e nuove installazioni sulla Pista 500

La Pinacoteca Agnelli presenta fino a domenica 5 febbraio 2023 la mostra Tiepolo x Starling, secondo capitolo di Beyond the Collection, negli spazi della collezione permanente.

Da mercoledì 2 novembre si aggiungono al percorso espositivo sulla Pista 500 quattro nuove installazioni di Liam Gillick, Marco Giordano, Nan Goldin, SUPERFLEX con la curatela di Sarah Cosulich e Lucrezia Calabrò Visconti.

Nei giorni di Artissima, il programma della Pinacoteca comprende inoltre la performance All Fours di Nina Beier e Bob Kil sulla Pista 500 e il lancio dello speciale catalogo che accompagna la mostra Sylvie Fleury. Turn Me On ancora in corso.
Pinacoteca Agnelli partecipa alla settimana dell’arte contemporanea con un ricco calendario di eventi e un rapporto di collaborazione sia con la fiera Artissima che con il festival internazionale C2C. L’obiettivo dell’istituzione è quello di partecipare all’espansione internazionale della rete d’eccellenza della città di Torino e avvicinare i nuovi pubblici al suo programma.

TIEPOLO X STARLING

L’opera di Giovanni Battista Tiepolo Alabardiere in un paesaggio conservata in Pinacoteca Agnelli diventa punto di partenza per il progetto espositivo dell’artista britannico Simon Starling (Epsom, Inghilterra, 1967) negli spazi della collezione. Continuando una ricerca iniziata nel 2019, l’artista immagina di ricongiungere la tela alla sua parte mancante: Il ritrovamento di Mosè. Attraverso fotografia, scultura e installazione, Starling rilegge la narrazione del quadro del Tiepolo e identifica nel taglio della tela una metafora con la storia del contesto e della collezione che la ospita. Il progetto, che ora trova svolgimento nel luogo che lo ha simbolicamente originato, si arricchisce grazie alla presenza di altre opere del Tiepolo in prestito da collezioni nazionali e internazionali, che offrono nuove chiavi di interpretazione dell’Alabardiere in un paesaggio.

Con il progetto espositivo Beyond the Collection, a ogni nuovo progetto espositivo una delle venticinque opere della Collezione Agnelli diventa il punto focale di inedite narrazioni per rileggere il patrimonio storico della collezione permanente in relazione alle tematiche della contemporaneità. Attraverso il coinvolgimento di artiste e artisti contemporanei e prestiti da istituzioni nazionali e internazionali, i progetti di Beyond the Collection stabiliscono dialoghi in grado di riflettere sulle presenze così come sulle assenze della collezione, per far emergere storie e figure dimenticate e sviluppare narrazioni che possano sfidare le letture canoniche della storia dell’arte.

NUOVE INSTALLAZIONI SULLA PISTA 500

La Pista 500, il progetto artistico di Pinacoteca sull’iconica pista di collaudo delle automobili FIAT sul tetto del Lingotto, si arricchisce di nuove installazioni site-specific con opere di Liam Gillick, Marco Giordano, Nan Goldin e SUPERFLEX. I progetti si aggiungono alle opere già presenti di Nina Beier, VALIE EXPORT, Sylvie Fleury, Shilpa Gupta, Louise Lawler, Mark Leckey e Cally Spooner.

Nell’idea di continuare a confrontarsi con l’architettura della ex fabbrica FIAT, le spettacolari installazioni sul tetto del Lingotto accompagnano visitatrici e visitatori in un percorso poetico lungo la circolarità della pista, che da circuito chiuso si fa giardino aperto. Le opere, sul giardino sospeso sul tetto del Lingotto, approfondiscono il rapporto con la strada e la sua fruizione in movimento: l’installazione sulla rampa di Liam Gillick, la speciale segnaletica stradale di Marco Giordano, il billboard con la fotografia di Nan Goldin, l’insegna dei SUPERFLEX, si appropriano degli immaginari caratteristici del contesto urbano e innescano una riflessione sui linguaggi dello spazio pubblico oggi.

Le opere sulla Pista 500 abbracciano i diversi linguaggi della scultura: installazioni ambientali, opere luminose o sonore, progetti di cinema espanso, sculture che si confrontano con l’architettura dell’edificio.
Il programma, a cura di Sarah Cosulich e Lucrezia Calabrò Visconti, offre prospettive plurali sull’arte pubblica, ospitando opere sempre nuove, inaugurate gradualmente nel corso nei prossimi anni. L’idea è quella di una mostra all’aperto che si sviluppa nel tempo oltre che nello spazio, con dialoghi inediti tra le opere esposte, la strada e il giardino che le ospitano, e il paesaggio circostante.

LA PERFORMANCE DI NINA BEIER E BOB KIL SULLA PISTA 500

Il progetto espositivo sul tetto del Lingotto si arricchisce anche grazie alla performance di Nina Beier e Bob Kil, realizzata da mercoledì 2 a domenica 6 novembre 2022 sulla Pista 500 ogni ora a partire dalle 16:30 fino all’orario di chiusura. La performance di Beier e Kil intitolata All Fours trasforma e riattiva la scultura The Guardians di Nina Beier, già allestita sulla Pista. I cinque leoni di marmo distesi vengono eccezionalmente portati in posizione eretta e cavalcati silenziosamente da cinque performer, una coreografia che capovolge i simboli di potere rappresentati nei monumenti delle città.

LA PUBBLICAZIONE DI SYLVIE FLEURY. TURN ME ON

In occasione di Artissima, la Pinacoteca Agnelli lancia il catalogo che accompagna la mostra Sylvie Fleury. Turn Me On. La pubblicazione è un ambizioso progetto editoriale che riproduce una rivista di moda, oggetto centrale nella pratica dell’artista. Il lancio avverrà presso il Book Corner by Librerie Corraini di Artissima venerdì 4 novembre alle ore 18:00. L’incontro, introdotto da Sarah Cosulich e moderato da Lucrezia Calabrò Visconti, curatrici della mostra, vedrà un dialogo tra Liam Gillick, artista, Rosalind McKever, curatrice al Victoria and Albert Museum di Londra, e Mariuccia Casadio, critica d’arte.

Tra progetto d’artista e antologia critica sul lavoro di Fleury, il magazine esplora i temi principali del suo lavoro attraverso contributi di autrici e autori internazionali che si confrontano con features, saggi, interviste, fashion spread e un immancabile oroscopo. Disegnata da RADL ed edita da Corraini, la pubblicazione raccoglie inoltre materiali inediti dagli archivi di Fleury, backstage esclusivi dei suoi progetti e la documentazione completa della mostra Turn Me On. Tra le autrici e autori: Lucrezia Calabrò Visconti, Mariuccia Casadio, Emanuele Coccia, Guido Costa, Sarah Cosulich, Anna Franceschini, Francesca Granata, Tea Hacic-Vlahovic, Rosalind McKever, Niels Olsen, Jeppe Ugelvig e Dena Yago. Sostengono la pubblicazione ProHelvetia e Gucci.

La mostra di Sylvie Fleury, che ha inaugurato il nuovo corso della Pinacoteca Agnelli, si confronta con i meccanismi contemporanei di produzione del desiderio e di costruzione del valore, e sulla loro interazione con le politiche di genere. Oggetti, simboli e immaginari provenienti dai campi della moda, del cinema, delle sottoculture pop, delle corse di Formula 1, della fantascienza e dell’arte contemporanea degli anni ’60 e ’70 sono assorbiti nel vocabolario post-femminista di Fleury e impiegati per costruire narrazioni inaspettate che espongono i pregiudizi strutturali della società contemporanea.

La programmazione della Pinacoteca Agnelli ha il sostegno di FIAT come main partner.
Con il nuovo corso dell’istituzione guidata da Sarah Cosulich, si è inaugurato un nuovo spazio per il pubblico: il FIATCafé500. Posizionato all’interno di Casa 500 – lo spazio al quarto piano di Pinacoteca dedicato all’icona FIAT – il nuovo FIATCafé500 sposa il desiderio di raccontare la storia e il design della 500 con quello di creare uno speciale luogo d’incontro e di condivisione per il pubblico. Il FIATCafé500, affacciato sulla mitica pista sul tetto del Lingotto e con una vista spettacolare sulla città di Torino, rappresenta un’occasione unica per il visitatore di immergersi nelle narrazioni e negli immaginari dello spazio museale di Casa 500, per viverli e riviverli.

INFO

Pinacoteca Agnelli
Via Nizza, 230/103 10126 Torino
https://www.pinacoteca-agnelli.it

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
FERDINANDO SCIANNA. Non chiamatemi maestro a Still Fotografia di Milano