Marino-Ficola-Tappeto-modulare-2022-Bucchero-45x70-cm

MARINO FICOLA Nodi allo Spazio PAePA di Milano

Marino Ficola torna a esporre allo Spazio PAePA di Milano, diretto da Giuliano e Nunzia Papalini, dal primo dicembre 2022 al 20 gennaio 2023, con un originale progetto espositivo a cura di Giorgio Bonomi, dal titolo “Nodi”.

L’artista presenta in anteprima una serie di lavori concepiti e realizzati durante i lunghi mesi del lockdown. §
La sapiente manipolazione della terracotta che magistralmente trasforma in piccoli moduli tenuti insieme da fili di ferro o rete metallica, resta al centro della sua pluriennale ricerca.
Moduli che si moltiplicano nello spazio con ossessiva ripetizione assumendo tuttavia diverse forme plastiche, piane o tridimensionali.

Quella di Marino Ficola, nato e cresciuto a Deruta, una delle capitali mondiali della ceramica, è una sfida in campo aperto, che conduce da “discepolo” di grandi maestri, da Picasso a Lucio Fontana tanto per citare i più famosi, per dare una forma e un linguaggio contemporaneo a una tecnica antica come il mondo. Nona Caso è uno dei fondatori della CLS (Ceramica Libera Sperimentale Deruta), che riunisce un folto gruppo di artisti provenienti da diverse parti del mondo.

Movimento che ha come scopo la ricerca di un linguaggio espressivo libero dai canoni tradizionali.

Il motivo per cui Marino Ficola lavora con la terra cotta in molte delle sue possibilità, dalla ceramica al bucchero e ad altre modalità – Spiega Giorgio Bonomi nel catalogo che accompagna la mostra. – deriva dal fatto che sente questa materia come la più adatta al suo linguaggio che, appunto, non si pone come vernacolare bensì universale, come l’arte deve essere” L’artista “domina”, per così dire, con grande capacità, la materia: in lui l’idea, la fantasia, si concretizza con una tecnica di notevole levatura manuale, giacché l’arte certo parte dall’idea originaria, ma poi si fa “con le mani”, per cui l’opera è d’arte”.

L’ARTISTA

Marino Ficola (Derutal1969.) è accademico di merito alla Accademia di Belle Arti di Perugia, dove insegna Tecniche della ceramica. La sua carriera artistica inizia come assistente di studio della scultrice e pittrice statunitense Beverly Pepper, famosa per le sue opere monumentali e per alcuni interventi di Land art. Una significativa esperienza che gli ha consentito di vivere per oltre un anno a New York ed entrare in contatto con le diverse e stimolanti realtà artistiche della Grande Mela. Tornato in Italia collabora con Bruno Ceccobelli e insieme ad altri artisti perugini fonda, nel 1993, l’Associazione culturale Iride, che si propone di promuovere l’arte e la cultura in tutte le sue forme.

Nel 1999 realizza il Manifesto del Festival d’estate di Spoleto e nel 2001 è protagonista del video MadreTerra per la regia di Marco Agostinelli, prodotto dalla Maloch Rosso Productions di New York. Nel settembre 2008 viene chiamato a partecipare alla collettiva d’arte ceramica dal titolo Concretamente, ospitata dal Palazzo Venezia a Roma. Nell’ottobre dello stesso anno espone a Parigi nella mostra Art Contemporain, Dialogue & Europe. Sempre nel 2006, in occasione della rassegna Migrazioni d’arte contemporanea dall’
Umbria promossa dalla Regione e dalla Provincia di Perugia, ha esposto presso la Rain Gallery di Pechino. Nel 2008 partecipa alla collettiva Dialogue Coreè & Europe, tenutasi a Parigi presso la Galerie Deburaux Aponem. Risale al 2010 il successo di Evolution Art Revolution, rassegna promossa dall’ Unesco, partita da Parigi (Selective Art) e arrivata sino a Danzica, passando per la Galleria Nazionale dell’Umbria. Nel dicembre dello stesso anno una sua personale si tiene presso la Galleria Palazzo Morelli Fine Art di Todi, dal titolo Periferie estreme, curata dal critico americano Alan Jones. Nel giugno 2011 è stato invitato ad esporre nel Padiglione Umbria della 54° Biennale dell’Arte di Venezia, allestita a Palazzo Collicola di Spoleto e curata da Vittorio Sgarbi e Gianluca Marziani. Nello stesso anno una sua personale dal titolo ICE- Glaciazioni contemporanee va in scena .al Castello Aragonese di Otranto.
E’ presente con una sua opera nel Museo Regionale della Ceramica di Deruta, nella sezione contemporanea e la sua installazione Angelo Blu è collocata in permanenza nel Musèo de los Ángeles de Arte Contemporànea a Turégano, (Segovia), diretto da Lucia Bosè. E’ rappresentato nel catalogo Novecento, ceramiche italiane di E. Gaudenzi ed stato recentemente inserito da Emanuele Gaudenzi nei prestigiosi volumi dedicati alla ceramica
italiana del XX sec olo, Novecento, ceramiche italiane. Protagonisti e opere del XX secolo.

INFO

MARINO FICOLA
Nodi
Spazio PAePA – Via Alberto Mario 26/b
Milano
Dal 1 dicembre 2022 -20 gennaio 2023

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Michael Krebber Studiofloor and Diamond Paintings alla Fondazione Antonio Dalle Nogare