Franco Grignani, “Eco-texture”. Sperimentale ottico con bolli filtrati, 1959 Franco Grignani © Eredi Grignani – Fondo Lanfranco Colombo, Regione Lombardia / Museo di Fotografia Contemporanea, Milano-Cinisello Balsamo

Il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo riapre al pubblico con due nuove mostre

Il Museo di Fotografia Contemporanea riapre al pubblico sabato 20 giugno con due progetti espositivi, tra loro indipendenti, che riflettono alcune delle sue principali linee di ricerca: la valorizzazione delle collezioni fotografiche e il rapporto con il territorio.

FRANCO GRIGNANI
Lo spazio di una magia sorprendente

La mostra presenta all’incirca 50 opere fotografiche di Franco Grignani, la maggior parte provenienti dalle collezioni del Museo, insieme ad altre gentilmente prestate dagli eredi dell’artista. L’esposizione restituisce un percorso di ricerca ultratrentennale che travalica i confini tra le discipline e pone Grignani tra i maestri della cultura visiva italiana degli anni ‘60 e ‘70. L’esposizione, a cura di Mario Piazza e Nicoletta Ossanna Cavadini con Manuela Grignani Sirtoli, è realizzata in collaborazione con il m.a.x. Museo di Chiasso.

CARTE DE VISITE
Un album fotografico di quartiere

È il risultato di un progetto di fotografia partecipata realizzato da Arianna Arcara, con la curatela di Roberta Pagani, nel quartiere Crocetta di Cinisello Balsamo. L’artista ha aperto uno studio fotografico temporaneo come servizio agli abitanti del quartiere, realizzando tra novembre 2019 e febbraio 2020 oltre 700 ritratti a persone appartenenti alle diverse comunità per indagare le relazioni, le ritualità e gli usi legati al ritratto fotografico. Il progetto è stato realizzato con il sostegno di AESS Regione Lombardia.

INFO PER IL PUBBLICO

Le mostre sono aperte dal 20 giugno al 1° novembre 2020
Museo di Fotografia Contemporanea
Via Frova 10, Cinisello Balsamo – Milano
Orari: sabato e domenica, ore 10-13 e 14-19
Ingresso libero
www.mufoco.org

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Karuna Clayton “Moments” alla Chiesa dell’Abbazia della Misericordia di Venezia