PLI_Viktor-Cernicky

Hangartfest 2022: presentanto il programma della XIX edizione 1 settembre-8 ottobre Pesaro

Partito il XIX edizione di Hangartfest, festival di danza contempo-ranea sostenuto dal MiC, dalla Regione Marche e dal Comune di Pesaro che si svolgerà fino all’8 ottobre a Pesaro.

La manifestazione, realizzata con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro presenta in 5 settimane 47 eventi comprese le repliche, di cui 19 spettacoli con 8 prime assolute, 4 coproduzioni, 1 anteprima internazionale, 1 retrospettiva fotografi-ca e 1 rassegna di video danza.

Vi sarà quindi una maggiore concentrazione di eventi per una programmazione diffusa nel centro storico della città con il Teatro Maddalena come location principale del Festi-val e attrezzata per la danza contemporanea.
La proposta artistica rivolge anche quest’anno lo sguardo al panorama della danza israe-liana, ospitando artisti come Michael Getman che presenterà un debutto assoluto in co-produzione con il Festival, e Sarah Damoni, artista palestinese presente nella scena israeliana. Si rinnova così la collaborazione con l’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Israele a Roma, oltre a aggiungersi una nuova cooperazione con il Centro Ceco di Ro-ma grazie alla presenza di Victor Cernicky, coreografo e performer della Repubblica Ce-ca.

Cifra distintiva del Festival sarà l’investimento in coproduzioni e nuovi progetti a sostegno delle giovani generazioni di coreografi e performer. Primo tra questi il progetto di CO-PRODUZIONE TRIENNALE che prevede la scelta di un coreografo al quale commissio-nare nuovi lavori da realizzare in coproduzione e presentare al Festival.
Dopo Marta Bevilacqua, coreografa residente per il triennio 2018/2020, e dopo un anno di pausa a causa dei rallentamenti dovuti all’emergenza sanitaria, la direzione artistica ha scelto di proseguire questo percorso virtuoso con Pablo Ezequiel Rizzo e il suo Cantiere Idina Who, nuovo sulla scena italiana e caratterizzato da una forte componente multidi-sciplinare.
La coproduzione triennale è legata a un programma per spettatori appassionati non ad-detti ai lavori OCCHI DA MARZIANI, chiamati a monitorare il percorso di creazione del co-reografo residente. Il progetto si affianca ad EXPLORER che ogni anno accompagna gli spettatori che aderiscono nella fruizione attiva degli spettacoli in calendario.

Uno spazio particolare verrà dedicato a GIARO IN LUCE, progetto neonato e dalla pro-spettiva pluriennale. Fortemente legato al territorio, ma dal respiro internazionale Giaro in luce è un omaggio a Paolo Giaro, musicista e compositore pesarese, nonché grande in-novatore e promotore culturale recentemente scomparso. La sua musica, dalle influenze stilistiche eterogenee, diviene un canale per coinvolgere in un processo creativo colletti-vo un gruppo di danzatori e performer pesaresi, attualmente in carriera all’estero. Il proget-to, a cura dalla coreografa e danzatrice Masako Matsushita, culminerà nella realizzazio-ne di uno spettacolo finale.

La XIX edizione del Festival sarà anche caratterizzata da nuove e proficue collaborazioni.
Nel contesto della piattaforma YOUNG UP!, rivolta ad aspiranti coreografi under 35, Han-gartfest ha co-fondato la rete nazionale GIACIMENTI a sostegno dell’emersione di giova-ni talenti. La rete nasce dal dialogo tra i festival Hangartfest, Menhir/Le Danzatrici en plein air di Ruvo di Puglia e Conformazioni Festival di Palermo e i corsi di formazione altamente qualificati MODEM PRO/Scenario Pubblico di Catania, Progetto DA.RE. di Roma e Alta Formazione/Compagnia Arearea di Udine. Il progetto prevede che i Festival si impegnino ogni anno ad ospitare nella proprie programmazioni una selezione di lavori presentati dai giovani coreografi al termine dei rispettivi corsi di formazione.

Tra gli eventi collaterali della manifestazione verrà presentata la retrospettiva fotografica MOSSI DA VISIONI, progetto a cura degli artisti visivi Paolo Paggi e Edaordo Serretti che intende raccontare la storia del Festival dando nuova linfa e movimento ai materiali fotografici di archivio, e una rassegna di video danza che farà da satellite al ZED Festival Internazionale di Videodanza. Il progetto promosso dalla Compagnia della Quarta, Cro.me – cronaca e memoria dello spettacolo e Coorpi ha infatti creato una rete deno-minata Giardini ZED di cui il Festival farà parte.

INFO

Il programma completo della manifestazione è disponibile sul sito: www.hangartfest.it

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
“ALBERTO BIASI. Tuffo nell’arcobaleno” all’ Ara Pacis di Roma