Ary Scheffer, Francesca da Rimini e Paolo Malatesta, 1855, olio su tela, cm 171 × 239. Parigi, Louvre. Provenienza: Legato del 1900 di Mme Marjolin-Scheffer, figlia dell’artista. E' una delle dieci repliche, almeno, della celebre tela del 1835.

FRANCESCA2021 – Tributo a Dante e al mito di Francesca da Rimini

L’8 marzo prossimo inizieranno ufficialmente le celebrazioni dantesche 2021 dei territori malatestiani tra Romagna e Marche, promosse dai Comuni di Rimini e di Gradara e dalle Regioni Emilia-Romagna e Marche.

Si tratta di trenta appuntamenti all’insegna di Francesca da Rimini, il personaggio più noto e amato della Commedia, che vedranno la straordinaria eroina d’amore e di passione, invadere città e castelli delle vallate riminesi, con mostre, spettacoli teatrali, musicali e cinematografici, convegni e giornate di studio. Francesca protagonista non solo in veste di espressione poetica, di icona del bacio e della fedeltà, ma anche come simbolo di libertà e di affermazione di diritti, come, tra Otto e Novecento, l’hanno sentita, vissuta e descritta più di duemila artisti romantici d’ogni paese d’Europa e d’America.

Trenta appuntamenti coordinati con rievocazioni storiche, letterarie, artistiche e con momenti, non meno importanti, di riflessione sull’attualità dei valori che il mito di Francesca ancor oggi rappresenta in maniera esemplare.

La partenza dell’8 marzo, non a caso Festa della Donna, avverrà con un evento davvero planetario: BACI DAL MONDO | WORLDWIDE KISSES, Flash mob ecumenico in tributo a Dante e Francesca da Rimini: in ventuno università dei cinque continenti, studenti e insegnanti reciteranno, animeranno e commenteranno nella lingua del loro paese i versi di Francesca del V canto, susseguendosi live streaming attraverso social e web con regia e spettacolarizzazione dal Teatro Galli di Rimini.

Tra i tanti eventi di FRANCESCA2021 numerosi sono già in cantiere avanzato.

A Rimini, città di Francesca si susseguiranno mostre, spettacoli, attività didattiche e laboratori interattivi aperti, oltre che ai turisti, agli studenti e alla cittadinanza.

A Gradara, castello del mito, tra gli eventi top ci sarà Rodin a Gradara, mostra de “Il Bacio”, capolavoro del grande scultore francese Auguste Rodin, in una fusione originale di proprietà della prestigiosa Fondazione Gianadda di Martigny (CH).

Trenta eventi, forti della fascinazione di Francesca, rivolti al grande pubblico con attenzione e spazi aperti alla didattica anche sociale e civile.

Tra le iniziative didattiche e di studio: un convegno internazionale e numerose Lecturae Dantis con sessioni nei castelli della Valmarecchia, che vedranno partecipare le più autorevoli autorità accademiche al mondo (Società Dantesca Italiana, Dante Society of America); attività formative rivolte agli insegnanti e agli studenti, attività ludiche, percorsi guidati ai luoghi danteschi e rievocazioni storiche.

A Rimini saranno protagonisti il Museo della Città, la Sagra Malatestiana, la Biblioteca Gambalunga, la Cineteca Comunale, l’Istituto Superiore di Studi Musicali Lettimi, il Liceo Classico G. CESARE – M. VALGIMIGLI. A Gradara e a Pesaro: Gradara Innova, la Biblioteca e i Musei Olivieriani, il Conservatorio G. Rossini, il ROF, Rossini Opera Festival.

INFO

FRANCESCA2021
IDEA E PROGETTO: Ferruccio Farina | Centro Internazionale di studi Francesca da Rimini
COMITATO SCIENTIFICO: Deirdre O’ Grady, University College, Dublino; Natascia Tonelli, Università di Siena; Nadia Urbinati, Columbia University, New York; Massimo Ciavolella, Ucla, University of California, Los Angeles; Roberto Fedi, Centro Internazionale di Studi Rinascimentali, Perugia; Dino Mengozzi, Università degli Studi di Urbino Carlo Bo; Raffaele Pinto, Universitat de Barcelona; Antonio Rostagno, Università La Sapienza, Roma; Marco Veglia, Università degli Studi di Bologna; Ferruccio Farina, Centro Internazionale di Studi Francesca da Rimini, coordinatore.

www.francescadarimini.it www.bacidalmondo.com


HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra alla Fondazione Pistoia Musei