Chiara Bettazzi “Surplace” alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma

La Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea inaugura la mostra “Surplace”, a cura di Saretto Cincinelli, che presenta per la prima volta sotto forma di unica e inedita installazione le opere fotografiche più recenti di Chiara Bettazzi.

Le 36 opere fotografiche esposte, provenienti dalle serie Still Life (2020), A tutti gli effetti (2021), Aste (2021) Equilibri precari. Elevazioni (2022), sono tutte accomunate da un punto di origine condiviso anche con la pratica installativa dell’artista, e rappresentato dai grandi agglomerati plastici ed eterogenei di oggetti e frammenti di oggetti d’affezione che trasportano con sé la memoria e le stratificazioni del vissuto.

Surplace – che fin dal titolo evoca una certa idea di immobilità, interruzione, sospensione – sovverte la logica interna alle singole serie fotografiche e le presenta come una costellazione che si dilata nello spazio della Galleria Nazionale e richiede a chi guarda di “armare” lo sguardo, affinché ciò che sembra una sola moltitudine possa rivelarsi nelle proprie infinite variazioni.

Lo spostamento del punto di vista segna alla radice tutto il progetto espositivo. Se le foto del ciclo Still Life si relazionano a un’idea di natura morta, quelle di A tutti gli effetti svelano la provvisorietà di un set in attesa di essere inquadrato. Nel ciclo Aste, le fotografie si trasformano in vaghi trofei “surrealisti”, sospesi nel nulla e decontestualizzati, lontani ormai dall’idea del genere pittorico di partenza, mentre Equilibri precari.
Elevazioni reintroduce la presenza dell’artista, mettendo in luce l’elemento performativo insito in ogni natura
morta, dove gli oggetti sono accuratamente predisposti dall’artista secondo precise regole compositive.
L’ars combinatoria di Bettazzi si materializza in una nuova e sempre provvisoria tipologia di natura morta
che di volta in volta lambisce il genere, rimando con esso ma senza mai veramente incarnarlo.

Il genere pittorico di riferimento non giunge mai a vuotarsi ma si mantiene aperto a nuove possibilità mentre viene rivelato il processo all’origine di ogni scatto, cosa che rende le opere installazioni bidimensionali.
L’intera esposizione si offre quindi come una stratigrafia diacronica dell’opera, una sorta di deleuziana
immagine-cristallo che riflette, come uno specchio “dotato di memoria”, una serie di visioni che alludono,
in absentia, anche alle virtuali composizioni che precedono e succedono quelle delle singole immagini
esposte in mostra.

Configurandosi come una specie di rete in divenire, le cui connessioni non cessano mai di rinnovarsi, la
serialità costitutiva di questo “mosaico” di foto mira a trasformare la mostra in una sorta di film immobile,
dove le tracce della sequenza precedente anticipano quella futura.
Sospesa in uno stato di passaggio, Surplace libera e nello stesso tempo àncora l’evento del movimento
all’imminenza del suo accadere.

LA FOTOGRAFA

Chiara Bettazzi, vive e lavora a Prato. Nelle sue installazioni così come nei recenti cicli fotografici di grande formato, ritornano, a partire dal 2013, assemblaggi plastici di oggetti. Ne fornisce un parziale inventario Mariagrazia Grella: ossa e fiori, penne e piume, ma anche attrezzi ginnici, ventagli, funi intrecciate, forchette che riposano sotto un fiore, merletti e grucce distrutte, borse del ghiaccio o dell’acqua calda “oggetti che hanno come proprietà definitoria l’instabilità nel richiamarsi ad un tempo inevitabilmente perduto- appaiono circoscritti e come raccolti in un amalgama che sembra una visione non ancora compiuta, il fermo immagine di un momento che potrebbe essere tanto aurorale quanto il contrario”.

“Un mondo – scrive Mirco Marino – che sembra confondersi col quotidiano, e allo stesso tempo discostarsi da questo per raggiungere una nuova dimensione temporale, ferma ma nondimeno pulsante”. “Surplace – ha dichiarato l’artista – è stata pensata fin dall’inizio come una mostra orientata prevalentemente a presentare la mia ricerca fotografica, anche se l’allestimento implica un calibrato intervento sullo spazio… In precedenza, le fotografie erano state proposte solo occasionalmente e tramite pochi esemplari. Avvertivo, dunque, la necessità di presentare uno o più cicli fotografici nella loro integrità, o comunque di mostrare come la serialità fosse una componente essenziale di quel tipo di lavoro. È quanto ho cercato di mostrare tramite un allestimento pensato esplicitamente per quello spazio specifico, un allestimento che rimanda a un gesto installativo.”

 INFO

Chiara Bettazzi
Surplace
Dal 5.05.2022 al 4.09.2022
Galleria Nazionale d’Arte
Moderna e Contemporanea
viale delle Belle Arti 131
Roma

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo riapre al pubblico con due nuove mostre