Josef et Anni Albers dans le jardin de la maison des maîtres au Bahaus, Dessau, vers 1925 Photographe anonyme The Josef and Anni Albers Foundation

Anni e Josef Albers al Museo d’Arte Moderna di Parigi

Dal 10 settembre 2021 al 9 gennaio 2022 il Musée d’Art Moderne di Parigi ospita una straordinaria mostra dedicata ad Anni e Josef Albers: più di 350 lavori – dipinti, fotografie, mobili, disegni, opere tessili – rappresentativi del loro percorso artistico.

Oltre a presentare una selezione completa delle opere di entrambi, questa esposizione è la prima in Francia ad essere ideata come un omaggio ai due artisti in quanto coppia: un tributo al legame intimo ed empatico realizzatosi in una vita di mutuo sostegno e incoraggiamento, nonché al dialogo continuo basato sul reciproco rispetto. Insieme hanno creato non solo un’opera considerata la base del modernismo, ma hanno anche trasmesso i loro valori educativi a un’intera generazione di nuovi artisti.

GLI ARTISTI

Anni Albers (nata Annelise Fleischmann, 1899–1994) e Josef Albers (1888– 1976) si incontrarono nel 1922 al Bauhaus e si unirono in matrimonio 3 anni più tardi. Da subito condivisero la convinzione che l’arte potesse trasformare profondamente il nostro mondo e che dovesse essere posta al centro dell’esistenza umana:

“Dall’opera d’arte impariamo il coraggio. Dobbiamo esplorare luoghi ove prima di noi nessuno è stato.” (Anni Albers)

Fin dall’inizio, la coppia assunse come fulcro del proprio pensiero l’arte e la funzione che essa svolge. Oltre a insistere sulla rivalutazione dell’artigianato e sui benefici della produzione di massa (Bauhaus) come mezzo di
democratizzazione dell’arte, i due furono profondamente convinti che la creazione fosse essenziale nell’educazione di ognuno. Sia come artisti che come insegnanti, dimostrarono costantemente la smisurata capacità d’impatto dell’attività artistica sulla realizzazione personale e, in un quadro più ampio, sulle relazioni con gli altri. Guidati da tali valori, si sforzarono di condurre i loro studenti verso una maggiore indipendenza intellettuale e verso una consapevolezza della soggettività della percezione.

Secondo la loro visione, l’insegnamento non è una mera trasmissione di teorie consultabili sui libri; al contrario, consta nel continuo insorgere di interrogativi che emergono in primo luogo dall’osservazione del mondo visuale e tattile che ci circonda, e successivamente attraverso le scoperte creative che derivano dagli esperimenti pratici con qualsiasi materiale disponibile, indipendentemente dal suo valore estetico.

Imparate a vedere e sentire la vita; vale a dire, coltivate l’immaginazione, poiché nel mondo vi sono sempre delle meraviglie, perché la vita è un mistero e sempre lo sarà. Siatene consapevoli.” (Josef Albers)

LE OPERE

Due significative opere degli artisti aprono la mostra, illustrando da subito, come un prologo, i valori formali e spirituali che uniscono la coppia. Seguono, procedendo in ordine cronologico, le varie fasi della loro vita. La prima sezione raccoglie la loro abbondante ed eterogenea produzione del periodo del Bauhaus, dal 1920 al 1933. La partenza della coppia per gli Stati Uniti nel 1933 segna l’inizio della seconda sezione, dedicata alle opere prodotte al Black Mountain College. Inoltre, vi è una selezione di grande spessore dei
Pictorial Weavings (Tessiture pittoriche) di Anni e degli Homages to the Square (Omaggi al Quadrato) di Josef. La mostra si chiude con una sezione rivolta all’opera grafica di Anni, cui ella si dedicò insieme a Josef negli anni ’60 e che coltivò per il resto della vita.
Grazie a un inestimabile patrimonio filmico, è stato possibile allestire un’aula specificamente dedicata al loro ruolo di insegnanti e permettere così ai visitatori di fare esperienza di una lezione “dal vivo”, vestendo i panni degli studenti. Una consistente mole di materiale documentario – fotografie, lettere, taccuini, cartoline, e altro – raccolto con l’aiuto della Fondazione Josef e Anni Albers, fornisce un valido contesto per collocare il lavoro dei due artisti.

LA MOSTRA

La mostra è organizzata in stretta collaborazione con la Fondazione Josef e Anni Albers, sita a Bethany, Connecticut. L’esibizione sarà ospitata inoltre dall’IVAM (Instituto Valenciano de Arte
Moderno) a Valencia, Spagna, dal 15 febbraio al 20 giugno 2022.

INFO

Anni e Josef Albers
L’art et la vie (L’arte e la vita)
10 settembre 2021 – 9 gennaio 2022
Musée d’Art Moderne de Paris
11 Avenue du Président Wilson
75116 Parigi
Tel. 01 53 67 40 00
www.mam.paris.fr

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Hans Josephsohn al Museo d’arte della Svizzera italiana di Lugano