ANGELA LYN – “On the Edge of Time” a Villa Arconati (Mi)

Ha inaugurato nella splendida cornice di Villa Arconati, palazzo barocco di quattrocento anni situato nella periferia di Milano, la mostra monografica dell’artista Angela Lyn – “On the Edge of Time”.

Una mostra site-specific che diventa un soul-specific dove Angela Lyn irradia l’antica Villa con la sua arte conducendo lo spettatore in un viaggio attraverso venticinque stanze della Villa, esplorando questioni di identità, genere e cultura nella loro relazione con il tempo e lo spazio.

Il mio approccio è quello di impiegare un procedimento narrativo simile al racconto di una storia, in cui la presenza dell’opera tocca lo spettatore non solo a livello concettuale ed emotivo ma anche attraverso l’energia della sua presenza fisica. La mia speranza è di coinvolgere lo spettatore, ossia creare qualcosa di comunicativo su cui si possa costruire l’esperienza e la memoria”.

“On the Edge of Time” riunisce per la prima volta oltre centocinquanta opere originali, che includono dipinti, disegni, sculture, installazioni, testi e opere video. La mostra offre una visione completa del linguaggio artistico di Angela Lyn, creando un’armoniosa sinergia con la consumata opulenza dell’architettura barocca.

Trascendendo gli aspetti nostalgici della sua eredità anglo-cinese e la narrazione del suo persistente viaggio come artista, l’arte di Angela Lyn media la risonanza poetica tra gli oggetti e lo spazio che abitano. All’interno di questo quadro liminale, intreccia lo spirito della pittura tradizionale cinese insita nel suo lavoro con le esplorazioni dello spazio, del colore e della tecnica legati alle tradizioni artistiche occidentali.

Angela Lyn costruisce il lavoro principalmente sulle sue osservazioni sulla natura, cercando di creare un linguaggio universale che vada oltre i vincoli dei dogmi culturali o politici. In questa mostra collega le sue osservazioni alla Villa e ai suoi dintorni, creando una narrazione che ci unisce senza distinzioni di tempo, luogo o origine.

IL CURATORE

A curare la mostra è Li Zhenhua. Risiede a Zurigo, Berlino e Pechino ed è ampiamente noto per il suo lavoro curatoriale per Art Basel Hong Kong e per importanti mostre in musei come il K11 e il Minsheng Art Museum di Shanghai. In Europa, ha curato China, China, China! – una mostra alla Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze. La collaborazione con Angela Lyn si basa sulla loro comune indagine sull’esperienza interculturale.

Il progetto include Michael Schindhelm, autore e documentarista svizzero-tedesco di fama internazionale, che ha diretto un film che introduce il lavoro di Angela Lyn, la mostra e l’ambiente unico della Villa.

IL CATALOGO

La mostra è accompagnata da una pubblicazione di quattrocento pagine riccamente illustrata, progettata da Jonas Niedermann, TGG, St. Gallen, fotografata da Andrea Rossetti, Milano e pubblicata da Vexer, St. Gallen / Berlino.
Quest’importante libro ritrae le opere esposte, le installazioni site-specific delle sale, un testo curatoriale di Li Zhenhua, una conversazione con Michael Schindhelm e testi biografici e poetici di Angela Lyn.

Nel suo nuovo progetto On the Edge of Time, Angela Lyn invita anche un eterogeneo gruppo di collaboratori (elencati di seguito) a rispondere a domande relative alla mostra e ai suoi temi. Questi incontri compaiono nel libro, in dialogo con le opere dell’artista, sottolineando il suo approccio comunicativo e portando le domande alla base del suo lavoro a un livello più alto di riflessione condivisa.

On the Edge of Time invita inoltre l’artista Su Ling Gyr a fare un’installazione nell’ala femminile della Villa, dove in passato donne e bambini trascorrevano il tempo insieme. Su Ling è laureata in moda femminile alla Central St. Martins di Londra ed è la figlia di Angela Lyn. La loro collaborazione affronta l’identità femminile in relazione all’arte e alla sua rappresentazione delle donne.
Per un’installazione nelle ex scuderie, Angela Lyn invita il collaboratore di lunga data Jesse Bannister, compositore e musicista inglese, a comporre quattro brani musicali. L’installazione elabora l’idea delle stalle come luogo di riposo e recupero per i cavalli. Nel mondo frenetico di oggi, fatto di fretta e distrazione, le secolari stalle diventano un ambiente tranquillo dove assorbire tempo ed energia.

All’interno di questo palazzo del XVII secolo, Angela Lyn crea una risonanza tra la sua vita e le tracce di storia all’interno della Villa. Dando un nome alle stanze, interviene nello spazio in un’interazione cumulativa. Con il progredire della storia, l’artista forma una ricostruzione poetica di narrazioni storiche e personali, smantellando finemente le nostre percezioni lineari di tempo e luogo.

On the Edge of Time riunisce i viaggi artistici di Angela Lyn, gli episodi della sua vita e le emanazioni storiche della Villa in un momento persistente che invita gli spettatori a interagire con il suo lavoro e a connettersi con i propri ricordi ed esperienze. A tutt’oggi è il suo progetto più ambizioso.

L’ARTISTA

Angela Lyn è un’artista svizzera di origine anglo-cinese. Nella sua prossima grande mostra personale On the Edge of Time (Sul filo del tempo), organizzata per la Fondazione Augusto Rancilio, curata da Li Zhenhua e che si svolgerà presso Villa Arconati-FAR, l’artista crea nel palazzo Seicentesco una risonanza tra la sua vita e la storia della villa. In un viaggio cumulativo attraverso 25 sale a cui l’artista dà il nome, le installazioni site-specific di Angela Lyn intrecciano il passato con il presente, smontando sottilmente le nostre percezioni lineari di tempo e luogo. Attraverso la ricostruzione poetica di narrazioni storiche e personali, Angela Lyn rianima lo spazio consumato dal tempo, punteggiandolo con questioni umane esistenziali che riguardano il futuro. La sua opera comprende dipinti, disegni, sculture, testi e video. Angela Lyn è rappresentata da Chambers Fine Art.

IL TEASER

INFO

On the Edge of Time
Angela Lyn
Dal 7 maggio 2022
Villa Arconati-FAR
Via Fametta, 1, 20021 Castellazzo MI
https://angelalyn.com/

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
La Musée 2, la nuova mostra di Studio la Città di Verona