Moi, toi et le Témoin_Calori&Maillard_ph.Mattia Tonelli_detail.jp

WE ARE FOU Calori & Maillard alla Galleria Paradisoterrestre di Bologna

Paradisoterrestre presenta WE ARE FOU mostra personale di Calori & Maillard, nell’ambito di ART CITY Bologna 2024 in occasione di ARTEFIERA.

In WE ARE FOU Calori & Maillard dialogano con gli spazi e l’eredità della galleria Paradisoterrestre, proponendo un allestimento nel quale arte e design si fondono a creare nuovi linguaggi e ibridazioni tra scultura e oggetti evocativi. Calori & Maillard presentano lavori inediti e realizzano per il catalogo Paradisoterrestre una serie di opere in edizione limitata.

Con Moi, Toi et Le Témoin (2024) il duo interviene sull’iconico divano Mantilla di Kazuhide Takahama. Due occhi ricamati, ispirati a Man Ray, si affacciano dall’elegante mantello che riveste la struttura e scrutano l’osservatore.
In Sleeping beauty (2024), omaggio a Meret Oppenheim, Calori & Maillard reinterpretano il celebre tavolino surrealista con le zampe di uccello e plasmano il bronzo fino a trasformarlo in un fenicottero dal colore rosa acceso.

Due presenze che – accanto ad altre opere delle artiste – accompagnano il visitatore in un percorso inedito. Partendo dalla storia del design e reinterpretando alcune icone attraverso il loro caratteristico punto di vista, danno luogo a un flusso tra passato e futuro per creare una mostra senza tempo.

LE ARTISTE

CALORI & MAILLARD
Letizia Calori (Bologna, 1986) e Violette Maillard (Bourg la Reine, 1984), in arte Calori & Maillard,
sono un duo artistico formatosi nel 2009.
La loro collaborazione unisce una formazione architettonica (Calori) e cinematografica (Maillard) in una pratica in cui reale e surreale confluiscono. Le loro opere suggeriscono una profonda sensibilità alla relazione tra gli individui, gli oggetti e l’ambiente circostante. Andando ad intervenire su gerarchie e convenzioni, sconvolgendole con elementi improvvisi e inattesi, ricercano e trovano una via d’uscita con ironia neutralizzante.

Si sono formate presso la Staedelschule di Francoforte sul Meno, nella classe di Tobias Rehberger e presso lo IUAV di Venezia. Tra i vari premi e riconoscimenti: nel 2013 vincono il premio Ernst & Young e la borsa per artisti da parte di Staedelschule Portikus e.V. Nel 2014 sono artiste in residenza all’Österreichische Skulpturenpark organizzata dal Joanneum Museum (Graz, Austria). Nel 2015 collaborano con la Fondazione Heinz und Gisela Friederichs per la realizzazione del progetto L’Oiseau de Feu, un balletto per gru a torre. Lo stesso anno vengono selezionate dall’artista Julie Mehretu per la residenza presso la Fondazione Botín, Santander. Nel 2016 sono assegnatarie del XIII Premio New York promosso dal Ministero degli Affari Esteri Italiano, dall’Italian Academy of Advanced Studies alla Columbia University e sono artiste in residenza
presso ISCP.
Nel 2017 a Bologna riaprono l’ex showroom Gavina al pubblico con la mostra site specific Causerie promossa dall’Istituzione Bologna Musei | MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna, nel 2018 partecipano al Festival di Fotografia Europea con il progetto Energia Potenziale coinvolgendo la città di Reggio Emilia. La loro ricerca prosegue con sperimentazioni sui materiali e sull’ampliare il concetto di opera d’arte in ambiti transdisciplinari, come il design, la fotografia e l’industria meccanica. Nel 2023 il loro lavoro viene acquisito dal Museo Fotografia
Contemporanea nell’ambito di L´Italia e un desiderio promosso da MiC-DGCC, Mufoco e Fondazione Alinari.
Calori & Maillard hanno esposto a livello internazionale in spazi istituzionali e sperimentali quali fra altri, MAMbo (Bologna), Palazzina dei Bagni Misteriosi (Milano), ISCP e Istituto di Cultura Italiana (New York), MMK e Deutsche Filmmuseum (Francoforte), Villa Iris – Fondazione Botín (Santander), Österreichische Skulpturenpark (Graz) e Moderna Museet (Stoccolma).

INFO

WE ARE FOU
Calori & Maillard
Fino al 02.03.2024
Galleria Paradisoterrestre
Via De’ Musei 4, Bologna

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Mattia Balsamini “Mezza luce” alla Galleria Lampo di Milano