FRANCESCA-BIFULCO.

Q&A: FRANCESCA BIFULCO. Solo Show – Candles Burning in the Wind

In “Candles Burning in the Wind”, prima mostra personale di Francesca Bifulco a Los Angeles, l’artista presenta l’iconica palma in uno stile che sorprenderà anche il più annoiato Angeleno.

L’abbiamo incontrata ecco l’intervista.

Francesca Bifulco, originaria di Pæstum, Sud Italia… quando 6 arrivata a Los Angeles e cosa t’ha portata qui?

Sono arrivata qui esattamente dieci anni fa, atterrando a Los Angeles con una decina di dipinti di grandi dimensioni arrotolati in un tubo di PVC arancione lungo 3 metri. Alla fine ho avuto l’opportunità di esporre alcuni di essi a Bergamot Station, dove mi hanno abbinata ad un artista locale specializzato in suono… che ora è mio marito.

Com’è stata la transizione? Ti sei può considerare un’ “Angelina”?

Una volta arrivata a Los Angeles ho provato una sensazione immediata e inaspettata di sentirmi a casa … seppur lontana da casa. Sono letteralmente nata e cresciuta di fronte … alle rovine di tre templi greco-romani.. per me, oggetti come colonne, tombe dipinte, ceramiche sono un luogo comune, la quotidianità della mia giornata, il mio senso esteticoè sempre stato inevitabilmente allenato a guardare un certo ideale di bellezza. Quindi, tutto lascerebbe credere che una volta qui, questi canoni siano stati completamente stravolti …Ma in realtà, la natura di questa città ha suscitato in me curiosità e apprezzamento verso ciò che è strano e senza pretese. Sono arrivata ad un punto in cui Los Angeles informa e alimenta la mia pratica artistica.

Possiamo dire che il suo nuovo solo show, Candles Burning in The Wind, si rifà a questa dicotomia, alla resilienza degli immigrati o dei migranti. Cos’ha usato come simbolo e perché?

Sì, questo è sicuramente il tema principale dello spettacolo. Che io vedo in queste palme. Le palme di Los Angeles, con la loro maestosa presenza, sono per me ciò che più si avvicina all’idea di monumento, gli stessi che ero abituata a vedere crescendo in Italia. Questi “alberi di strada” sono monumenti viventi che onorano le persone che sono emigrate o si sono trapiantate qui, senza le quali Los Angeles non sarebbe la città multistrato che conosciamo oggi, con tutte le influenze di razze. Le stesse palme che riecheggiano i ricordi delle aspirazioni personali e delle difficoltà multigenerazionali associate ai temi universali dell’integrazione, del multiculturalismo e del diritto di esistere.

Quanti quadri e come ha trovato il modo di raccontare storie diverse centrandole su la palma?

Ho fatto (12) dodici interpretazioni di palme, tra cui i quattro dipinti originali della mia recente pubblicazione di stampe “California Dreaming” e otto pezzi nuovi. In questi ultimi, l’asprezza delle mie linee abituali assume un’esilarante profondità dimensionale, trova la sua eco nelle crepe del legno o viene invertita e incanalata attraverso un’installazione a tecnica mista. Nel complesso, la mostra si concentra sugli aspetti vulnerabili e misteriosi di questo elemento di base di Los Angeles, con accenni alle trame e ai motivi che si possono trovare comunemente nelle strade dell’East Side di Los Angeles, dove vivo.

In galleria è appena stata presentata la sua installazione (Nero Apparente) che parlava di tuo padre e della sua scomparsa. Che ruolo avevano le palme in quell’opera? In questa raccolta di nuovi lavori quant’è presente il suo ricordo?

Le fronde di palma incorporate in “Nero Apparente” hanno un sapore personale, provengono direttamente dall’ultimo mucchio che mio padre aveva tagliato da una delle nostre piante prima di morire, nella mia città natale. Alla fine, sono diventate un’estensione delle linee che avevo dipinto in precedenza su un tripode di legno bruciato come parte della stessa installazione. Le foglie erano sporgenti, come se si elevassero al di sopra della cenere della disintegrazione emotiva che stavo attraversando, e in definitiva il mio modo di preservare la memoria di mio padre. Il dipinto su carta di grandi dimensioni di questa collezione trae ispirazione dal fondo arrugginito della sua carriola e rende omaggio al lavoro e all’amore che ha riversato dentro e fuori quell’attrezzo per tutta la vita. Ripensandoci ora tutto ha un senso. Sono cresciuto in mezzo alle palme, ne riconosco almeno 6 tipi diversi, ne so potare alcune e so come prendermene cura, dopo aver visto mio padre farlo per tutto il tempo che ricordo. Il significato personale che quest’albero porta con sé è stato sicuramente uno dei catalizzatori della sua attenzione in questa serie.

Qual è il tuo processo? So che alcuni iniziano con una tela nera… perché?

I miei primi lavori erano caratterizzati da sfondi bianchi e sovraffollavo lo spazio bianco con i soggetti. Dopo qualche anno di lavoro, ho iniziato a interessarmi a un tipo di linguaggio visivo che gioca più sulla rimozione della nozione di tempo e spazio. Sto sperimentando modi per trovare la luce attraverso l’oscurità e abbracciare i momenti di transizione inaspettati, sfidando me stesso a livello tecnico e concettuale.

L’ARTISTA

Francesca Bifulco (italiana, nata nel 1986) è un’artista multimediale.
Il suo distintivo lavoro a linea canalizza una qualità grafica attraverso la sua principale tecnica pittorica, creando un linguaggio personale che si estende su tele di grandi dimensioni, composizioni testurizzate in legno bruciato e installazioni multidimensionali.

I suoi soggetti spaziano dalla folla e la forza della loro molteplicità, ai singoli individui influenzati dalla cultura dei social media, agli uomini che giocano a carte in un quartiere conflittuale e sottorappresentato di Napoli, Italia. Il suo lavoro attuale elabora gli effetti della perdita personale attraverso la conservazione della memoria; esamina il risveglio sociopolitico negli Stati Uniti; e celebra un’iconica simbolo della sua città adottiva, Los Angeles.

È membro del duo di artisti multidisciplinari Card 0 Collective e del collettivo d’arte immersiva IAC (Immersive Art Collective) con base a LA, una coalizione che sostiene i giovani svantaggiati attraverso le attività creative. L’artista vive e lavora nel quartiere di Lincoln Heights a Los Angeles.

INFO

FRANCESCA BIFULCO | Candles Burning in the Wind
Fino al 15 aprile
Bermudez Projects, 1225 Cypress Avenue, Los Angeles, CA 90065

bermudezprojects.com

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
I Macchiaioli. L’avventura dell’arte moderna a Trieste