Nate Lowman “Delusion Horizon” da MassimoDeCarlo Milano

MASSIMODECARLO presenta “Delusion Horizon”, una nuova mostra personale di dipinti dell’artista americano Nate Lowman.

Lowman realizza dipinti sul potere delle immagini, raccogliendole e traducendole da film di propaganda, pubblicità, storia dell’arte e altre forme di media di massa.

In Delusion Horizon, la nuova collezione di immagini di Lowman analizza e decifra l’esperienza del guardare. Alcune immagini catturano momenti intensi e catastrofici di rottura: le nuvole delle bombe atomiche, un vulcano o un pallone spia che esplode. Altre raffigurano banalità pervase da un senso di magia o di inquietudine: una nave da crociera fluttua in un miraggio all’orizzonte; un arcobaleno di rimorchi colorati come caramelle si parcheggia in un centro di distribuzione. In questa mostra, Lowman impregna le immagini, ad eccezione di una, nella fredda angoscia della luce del giorno ultrazzurro. Lo spettatore e, a sua volta, il pittore scrutano un paesaggio illuminato artificialmente. Le opere esercitano una tensione tra abilità e destrutturazione: Lowman dipinge su lino grezzo, lasciando che i pigmenti si infondino nel supporto del lavoro. Da lontano, i dipinti di Lowman sono immagini piatte e fedelmente rappresentate. Da vicino, le forme e le linee, come nei migliori dipinti di Helen Frankenthaler, cominciano a dissolversi e a lacerarsi.

LE OPERE

I dipinti di Lowman presentano i segni visivi che definiscono la vita contemporanea americana. In Priscilla, diventiamo osservatori freddi e distanti di un momento di grande potenza: la detonazione di una bomba atomica nel deserto del Nevada. Lo spettatore si trova a chilometri di distanza da una nuvola dai toni arancioni che brucia sullo sfondo di un paesaggio alieno, blu e spoglio. Nato a Las Vegas, Lowman ha una familiare intimità con la storia delle prove nucleari nel deserto americano. L’immagine di origine per Priscilla è stata prodotta dalla Lookout Mountain Air Force Station, un gruppo di cineoperatori e fotografi con sede a Hollywood incaricati della documentazione delle prove nucleari nel sito di prova del Nevada. Come immagine fissa, “Priscilla”, il nome in codice di questa prova nucleare del 1957, ha promosso l’immagine americana delle forze militari della metà secolo. La Priscilla di Lowman diventa un’illustrazione pittoresca e una al tempo stesso crudele ed idealizzata, dell’immagine del paesaggio americano.

Se Priscilla esamina la pura potenza delle immagini, allora Distribution Center funge da metafora per la loro circolazione e consumo. Gli spettatori osservano una linea dell’orizzonte composta da rimorchi colorati, pacificamente parcheggiati in un magazzino vicino a un porto americano, in attesa dell’ingresso delle merci. Un senso di piattezza permea i rettangoli dorati, blu e rossi, creando un’immagine allungata della vita contemporanea che potrebbe essere ovunque e da nessuna parte. Privi di persone, ad eccezione dell’osservatore implicito, i dipinti sono un istante del sublime industriale, che enfatizza l’idea di una globalizzazione interconnessa.

RUMORE VISIVO

In Delusion Horizon, Lowman imprime a tutti i suoi dipinti un rumore visivo: scarabocchi, errori di stampa e difetti che si manifestano durante il processo creativo dell’artista. Dopo che Lowman ha selezionato le sue immagini, le sottopone a un processo di degradazione, facendo passare le foto scelte attraverso fotocopiatrici fino a ridurne la risoluzione e accumulare difetti. In alcuni dipinti, i difetti diventano come graffi comici, enfatizzando eccessivamente le esplosioni delle bombe, che siano americane o sovietiche. In altri, come in Cruise Mirage, diventano gocce di informazioni visive che offuscano la nostra visione di questo simbolo del tempo libero. La nostra esperienza del mondo è sempre mediata, interferita e modificata. Quello che potrebbe essere visto come un’altra “pittoresca” scena di una vacanza arcadica, la nave da crociera che si staglia sull’orizzonte, apparentemente fluttuante sull’oceano. Tuttavia, ciò che potrebbe essere un ideale aspirazionale per alcuni è anche una banalità per altri. Un riferimento al titolo della mostra, il miraggio, vissuto da lontano, sottolinea come la visione sia anche un atto di percezione e inganno.

Il ritratto di Jeff Mills, DJ e produttore di musica techno di Detroit, realizzato da Lowman, diventa una coda visiva per la mostra. È un’immagine più personale, avvolta dalla luce rossa e viola, mentre Lowman ci posiziona come spettatori accanto ai giradischi, a pochi metri da Mills. Questa immagine di Mills, eroe d’infanzia di Lowman e voce leggendaria della musica elettronica, è un dipinto di Americana tutto suo. Vorticante dell’energia della musica di Mills, quest’opera mette in risalto gli altri dipinti di Lowman attraverso una sensazione di calore e intimità. Attraverso questa vicinanza invertita, il dipinto sottolinea quanto siamo distanti e alienati dalla realtà osservata.

I dipinti della mostra riguardano le immagini che l’America produce su se stessa. Come spettatori, come comprendiamo la nostra presenza in relazione a questa narrazione? I dipinti di Lowman enfatizzano la riduzione del mondo attraverso la costante distribuzione di informazioni. E nel mondo dei dipinti di Lowman, le immagini sono agenti di potere e cambiamento che ci definiscono, ma, di cui non ci possiamo fidare del tutto.

— Owen Duffy

L’ARTISTA

Nate Lowman è nato a Las Vegas nel 1979, e attualmente vive e lavora a New York.

Recenti mostre personali includono Let’s Go presso David Zwirner, New York, nel 2022. Il lavoro dell’artista è stato oggetto di una mostra personale presso Astrup Fearnley Museet, Oslo, nel 2018.

Altre presentazioni personali recenti presso istituzioni pubbliche includono quelle presso Aspen Art Museum, Colorado (2017); FRAC Champagne-Ardenne, Reims, Francia (2016); Dallas Contemporary, Texas (2015); The Brant Foundation Art Study Center, Greenwich, Connecticut (2012); Astrup Fearnley Museet for Moderne Kunst, Oslo (2009); e Midway Contemporary Art, Minneapolis, Minnesota (2006). Il lavoro dell’artista è stato anche incluso in importanti mostre collettive

INSTALLATION VIEW

INFO

Nate Lowman
Delusion Horizon
Fino al 01.07.2023
MassimoDeCarlo
Casa Corbellini Wassermann
Milano

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Ma che musica la Vespa! La Vespa spegne 76 candeline