MUSEO MARINO MARINI di Firenze tornano le notti al museo

Dopo il successo dell’apertura straordinaria serale dello scorso 3 luglio in occasione della Notte Europea dei Musei, che ha visto la partecipazione di oltre 300 visitatori, martedì 20 luglio 2021 torna a grande richiesta la visita notturna del Museo Marino Marini di Firenze.

Dalle 21 alle 24 (ultimo ingresso alle 23.30), al costo simbolico di 1 €, i visitatori potranno ammirare le sculture del grande Maestro avvolte nel buio ed illuminate dalla sola luce di piccole torce – dotate dal Museo – scoprendone ogni particolare in modo unico e suggestivo. Un appuntamento di grande richiamo in cui, adulti e bambini, potranno costruire il proprio percorso di visita alla scoperta dei capolavori di Marino Marini, cogliendone dettagli inediti in chiave originale.

Al termine della visita notturna, il 21 luglio alle ore 00.01, sempre presso il Museo, Mario Nanni, presenterà la rassegna fotografica metaluce: una serie di iniziative inerenti al programma da lui ideato per il Museo Marini in qualità di Visiting Director 2021.

Un racconto unico in cui si fondono tutte le arti, quale alto esempio di umanesimo universale, unite nel concetto di “metaluce”.

Uno degli appuntamenti di punta che compongono la rassegna metaluce è la mostra fotografica di Clara Melchiorre, intitolata “Lumen”, che sarà inaugurata il 21 luglio alle ore 18.30 presso gli spazi del Museo ed in programma fino al 18 ottobre 2021. Il progetto, ideato appositamente per il Marino Marini nasce dalla volontà di creare un dialogo tra le opere e l’artista, l’architettura che le accoglie, il corpo umano, la luce e l’ombra con il fine di indagare e interpretare la relazione fra i suddetti elementi.

L’inaugurazione della mostra si terrà alla presenza di Patrizia Asproni e di Mario Nanni, rispettivamente Presidente e Visiting Director del Museo Marino Marini e dell’artista Clara Melchiorre.

Il Museo Marino Marini

Il Museo Marino Marini è nato dalla volontà di Marino e Marina Marini che, alla fine degli anni Settanta del Novecento, individuarono l’ex chiesa di San Pancrazio di Firenze come luogo ideale al quale legare la donazione di opere che l’artista, poco prima di morire, aveva fatto alla città. La ristrutturazione della chiesa, recuperata dopo secoli e ridestinata a una funzione pubblica, è stata realizzata dagli architetti Lorenzo Papi e Bruno Sacchi che hanno saputo creare un allestimento a immagine e somiglianza di quel mondo così affascinante di Marino Marini, uno dei personaggi più significativi della cultura figurativa del Novecento. Il museo ospita 183 opere di Marino Marini: disegni, litografie, dipinti, sculture, tutte esposte al pubblico sui quattro livelli del museo. Parte integrante del museo, recuperata alla visita del pubblico dopo un lungo restauro, è una delle meraviglie del Rinascimento fiorentino: la Cappella Rucellai, capolavoro assoluto dell’architetto Leon Battista Alberti, con il Tempietto del Santo Sepolcro.

INFO

Per informazioni sul Museo e su giorni, orari e modalità di accesso: www.museomarinomarini.it

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
M@D – Monza @rte Diffusa – fino a settembre