Libri: “Restituzione Il ritorno a casa dei tesori trafugati” di Alexander Herman

Alexander Herman con questo saggio “Restituzione Il ritorno a casa dei tesori trafugati” affronta Il tema dei beni culturali sottratti illecitamente dai loro contesti originari.

Un’a incisiva analisi delle questioni più urgenti legate alla restituzione di manufatti artistici ai loro paesi di provenienza. Un testo prezioso dedicato a tutti i professionisti del mondo dell’arte e dei musei, ma anche per coloro che hanno a cuore l’arte e la giustizia.

Il tema dei beni culturali sottratti illecitamente ha acquistato nuovo slancio, in questi anni, da quando l’opinione pubblica ha puntato i riflettori su prestigiose collezioni occidentali in cui sono custoditi tesori provenienti da paesi che oggi ne rivendicano la proprietà.

Alexander Herman, attraverso la sua analisi puntuale e dettagliata ci offre una panoramica ampia e aggiornata dei casi più controversi, come la querelle intorno ai marmi del Partenone o il parziale rimpatrio dei bronzi del Benin, passando per gli oggetti trafugati dal Palazzo d’Estate di Pechino e i dipinti requisiti dai nazisti.

Quella della restituzione, però, è una faccenda più complessa di quel che appare, non solo perché obbliga a fare i conti con i soprusi degli antenati, ma anche perché applicare un’idea contemporanea di giustizia a istanze del passato può avere un costo imprevisto. Se oggi risulta inaccettabile che i simboli di un culto religioso strappati alle comunità indigene facciano bella mostra di sé nei musei dei “predatori”, in molti casi si tratta di manufatti entrati a far parte di quelle collezioni da secoli; alcuni hanno assunto un enorme valore culturale e perfino finanziario per le istituzioni che li ospitano, le quali potrebbero non essere disposte a rinunciarvi.

Con uno stile avvincente, tradotto da Marinella Milan, Herman introduce ai principali temi in gioco, analizza se e in che modo le restituzioni abbiano funzionato nel passato e nel presente, osserva «modelli per il rimpatrio dei materiali, criteri per giudicare le richieste di restituzione, metodi per garantire il rientro dei beni», ma soprattutto i problemi che nascono nel momento in cui si cerca di giungere a quella soluzione «giusta ed equa» stabilita dalla conferenza di Washington del 1998, quando i rappresentanti di oltre quaranta nazioni si riunirono per discutere del destino, ancora irrisolto, di gran parte dei beni sottratti agli ebrei durante la Shoah.

C’è aria di cambiamento. Il passato sembra essere ritornato più forte che mai, determinato a vendicarsi. Negli ultimi anni molti paesi si sono orientati verso politiche che tentano di rimediare a torti inflitti parecchio tempo fa.

Nell’indagare in che modo sia possibile negoziare le riconsegne, questo saggio si interroga anche sul paradigma stesso in cui siamo entrati: l’assillo di fare ammenda delle ingiustizie del passato potrebbe avere un impatto irreversibile sul settore culturale per gli anni a venire.

L’AUTORE

Alexander Herman è direttore dell’Institute of Art and Law e codirettore del master di Art, Business and Law della University of London. I suoi articoli sul tema della restituzione appaiono regolarmente su The Art Newspaper.

INFO

Alexander Herman
FORMATO 15 x 21 cm
PREZZO € 16,00
COLLANA Non solo saggi
PAGINE 119
ISBN 978-88-6010-329-1

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
“TUTANKHAMON. L’ULTIMA MOSTRA” con Manuel Agnelli, al cinema solo dal 9 all’11 maggio