I Premi della 18esima Mostra Internazionale di Architettura. Leone d’Oro al Brasile e a Demas Nwoko alla carriera

La Giuria internazionale della 18. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, composta da Ippolito Pestellini Laparelli (presidente, Italia); Nora Akawi (Palestina); Thelma Golden (USA); Tau Tavengwa (Zinbabwe); Izabela Wieczorek (Polonia), ha ufficializzato i vari premi.

I PREMI

Leone d’oro per la miglior Partecipazione Nazionale: BRASILE
Terra [Earth]
Commissario: José Olympio da Veiga Pereira, president of the Fundação Bienal de São PauloCuratori: Gabriela de Matos e Paulo Tavares
Espositori: Ana Flávia Magalhães Pinto, Ayrson Heráclito, Day Rodrigues with the collaboration of Vilma Patrícia Santana Silva, Fissura collective, Ilê Axé Iyá Nassô Oká (Casa Branca do Engenho Velho), Juliana Vicente, Mbya-Guarani Indigenous People, Tukano, Arawak and Maku Indigenous Peoples, Tecelãs do Alaká (Ilê Axé Opô Afonjá), Thierry Oussou, Vídeo nas Aldeias
Sede: Giardini

Una menzione speciale è stata attribuita alla Partecipazione Nazionale: GRAN BRETAGNA
Dancing Before the Moon
Commissario: Sevra Davis, Director of Architecture Design Fashion at the British Council
Curatori: Jayden Ali, Joseph Henry, Meneesha Kellay and Sumitra Upham
Espositori: Yussef Agbo-Ola, Jayden Ali, Mac Collins, Shawanda Corbett,
Madhav Kidao, Sandra Poulson
Sede: Giardini

Leone d’oro per la migliore partecipazione alla 18. Mostra The Laboratory of the Future:
DAAR
Alessandro Petti e Sandi Hilal
(Stockholm; Bethlehem)
Dangerous Liaisons section
Sede: Corderie dell’Arsenale

Leone d’argento per un promettente giovane partecipante alla 18. Mostra The Laboratory of the Future:
Olalekan Jeyifous
(Brooklyn, USA)
Olalekan Jeyifous (n. Ibadan, Nigeria, 1977)
Sede: Padiglione Centrale, Giardini

La Giuria ha inoltre deciso di assegnare tre menzioni speciali ai seguenti partecipanti:
Twenty Nine Studio / Sammy Baloji
(Brussels, Belgium)
Sammy Baloji (n. Lubumbashi, Democratic Republic of the Congo, 1978)
Dangerous Liaisons section
Sede: Corderie dell’Arsenale

Wolff Architects
(Cape Town, Republic of South Africa)
Ilze Wolff (n. Cape Town, Republic of South Africa, 1980);
Heinrich Wolff (n. Johannesburg, Republic of South Africa, 1970)
Dangerous Liaisons section
Sede: Corderie dell’Arsenale

Thandi Loewenson
(London, UK)
Thandi Loewenson (n. Harare, Zimbabwe, 1989)
Force Majeure section
Sede: Padiglione Centrale, Giardini

È stato inoltre attribuito a Demas Nwoko, artista, designer e architetto nigeriano, il Leone d’oro alla carriera della 18. Mostra Internazionale di Architettura. Il riconoscimento è stato proposto dalla curatrice della Biennale Architettura 2023, Lesley Lokko, e accolto dal Consiglio di Amministrazione della Biennale di Venezia.

La cerimonia di premiazione della 18. Mostra Internazionale di Architettura si è tenuta oggi, sabato 20 maggio 2023 a Ca’ Giustinian, sede della Biennale di Venezia.

LE MOTIVAZIONI DEI PREMI

Leone d’oro per la migliore Partecipazione Nazionale al Brasile per una mostra di ricerca e un intervento architettonico che centrano le filosofie e gli immaginari della popolazione indigena e nera verso modi di riparazione.

Menzione speciale come Partecipazione Nazionale alla Gran Bretagna per la strategia curatoriale e le proposte progettuali che celebrano la potenza dei rituali quotidiani come forme di resistenza e come pratiche spaziali nelle comunità della diaspora.

Leone d’oro per il miglior partecipante alla 18. Mostra The Laboratory of the Future a DAAR – Alessandro Petti e Sandi Hilal per il loro impegno di lunga data teso a un profondo coinvolgimento politico con pratiche architettoniche e di apprendimento della decolonizzazione in Palestina e in Europa.

Leone d’argento per un promettente giovane partecipante alla 18. Mostra The Laboratory of the Future a Olalekan Jeyifous per una installazione multimediale che esplora una pratica di costruzione del mondo capace di allargare le prospettive e l’immaginazione del pubblico, offrendo visioni di un futuro decolonizzato e decarbonizzato.

Tre menzioni speciali come partecipante alla 18. Mostra The Laboratory of the Future a:

Twenty Nine Studio / Sammy Baloji per un’installazione in tre parti che interroga il passato, il presente e il futuro della Repubblica Democratica del Congo, attraverso uno scavo di archivi architettonici coloniali.

Wolff Architects per un’installazione che riflette una pratica progettuale collaborativa e multimodale, nonché un approccio articolato e immaginativo alle risorse, alla ricerca e alla rappresentazione.

Thandi Loewenson per una pratica di ricerca militante che materializza storie di spazi di lotte per la terra, estrazione e liberazione attraverso il mezzo della grafite e della scrittura speculativa come strumenti di progettazione.

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Rethink the City, dibattito e progetti di arte pubblica per la valorizzazione della città allo Studio Arnaldo Pomodoro di Milano