Francesco Arena, Il fulmine governa ogni cosa 2023

Francesco Arena “Il fulmine governa ogni cosa” alla Fondazione Nicola Del Roscio di Roma

“Il fulmine governa ogni cosa” è un progetto espositivo in cui convergono e si sovrappongono alcuni dei personaggi che nel corso del tempo Francesco Arena ha intercettato o ritrovato in contesti molteplici: da Martin Heidegger a Glenn Gould, da Jacques-Louis David a Cy Twombly, da Paul Engelmann a Ludwig Wittgenstein.

Spaziando dalla filosofia alla musica fino all’arte nelle sue più diverse declinazioni, la galleria di personaggi abbraccia tutto il mondo del sapere.

Il titolo fa riferimento a una celebre citazione di Eraclito che si stagliava sulla fronte dell’architrave della porta di ingresso della famosa hütte di Heidegger a Todtnauberg, ricostruita a dimensioni reali all’interno degli spazi della Fondazione. La capanna, idealmente riconducibile alla memoria del filosofo, è un’opera che contiene una serie di sculture realizzate dall’artista appositamente per questa mostra. I lavori, man mano che il pubblico procede nel percorso espositivo, vengono svelati, intessendo un gioco di continui rimandi e scambi tra contenitore e contenuto, visibile e invisibile, esperienza individuale ed esperienza collettiva.

Le opere presentate fanno tutte riferimento all’idea di supporto, ausilio, aiuto, sia fisico che emotivo, al quale tutta l’umanità ricorre. I supporti su cui l’uomo agisce ogni giorno, nell’idea proposta dal progetto espositivo, sono il palcoscenico dell’esistenza. Ogni segno all’interno della composizione è riconducibile a un significato simbolico e ha a che fare con la vicenda umana.

Il pavimento su cui il visitatore incede è costituito da 210 assi in cera di fusione rossa. La sedia sulla quale si accomoda un pianista per esibirsi riporta incastrato nella spalliera un giornale che quotidianamente sarà sostituito con quello della data corrente, a indicare un mutamento continuo in qualcosa che è sempre apparentemente uguale a sé stesso. Su di un plinto poggiano alcuni fogli che sono idealmente in attesa di essere riempiti di idee.

Ogni singola scultura è il ritratto trasfigurato di un oggetto con una propria storia, salvo poi rivelarsi come altro da sé. Lo spettatore è invitato a interagire con esse, ma allo stesso tempo l’installazione appare compiuta anche nell’assenza della presenza umana. In tal senso “Cintura”, opera in sospensione, può accogliere ed ospitare due persone al suo interno, mentre invece l’opera “Cartello” esaurisce la sua funzionalità comunicativa nella candela accesa che si spande sulla superficie. Infine, nell’opera “Maniglia” la partecipazione umana è simulata: muovendosi automaticamente conduce verso un altrove anche se nessuno può effettivamente azionarla per accedervi.

Attraverso la sua pratica multidisciplinare Arena attua continui e sottili riferimenti alla società contemporanea, evidenziando l’impossibilità di essere totalmente sufficienti a sé stessi e di come sia fondamentale avere un sostegno da parte dell’altro. L’arte, esattamente come la religione, la magia, la filosofia e la politica, è un supporto per la vita umana, ma anche un antidoto che l’uomo ha inventato per dare senso alla propria esistenza e proteggersi dall’ignoto.

Il nuovo corso del format #Project Room dà la possibilità di entrare ancor più nel vivo del processo creativo dell’artista. All’interno del percorso mostra, sarà infatti allestita anche una sezione documentaria dedicata a tutte le suggestioni e le fonti raccolte dall’artista, il suo studio e gli scambi con i curatori nella fase di realizzazione del progetto.
L’esposizione sarà corredata da un catalogo, edito da Lenz, con un’inedita conversazione tra i curatori e l’artista, insieme alla documentazione fotografica dei lavori esposti.

L’ARTISTA

Francesco Arena (1978, vive e lavora a Cassano delle Murge, Bari) ha tenuto svariate mostre personali in spazi pubblici e privati tra le quali: “Measured Stones”, Nogueras Blanchard Gallery, Madrid; “Otto angoli”, Studio Trisorio, Napoli; “Terza mostra: tre cose”, Galleria Raffaella Cortese, Milano; “Cubic metre of seawater as a diagonal”, Sprovieri, London; “Posatoi”, Olnick Spanu Art Program, Garrison, NY; “Onze mille cent quatre-vingt sept jours”, Frac Champagne-Ardenne, Reims; Trittico 57, Museion, Bolzano; “Cratere”, De Vleeshal, Middelburg NL. Tra le mostre collettive si ricordano: “After Image“, Maxxi L’Aquila; “Le Futur derrière nous. L’art italien depuis les années 1990. Le contemporain face au passé”, Villa Arson, Nice; “The Paradox of Stillness . Art, Object and Performance”, Walker Art Center, Minneapolis; “Utopia Distopia”, Museo Madre, Napoli; “The Humans”, Kunstmuseum, St. Gallen; “Ennessima”, Triennale, Milano; “Ritratto dell’artista da giovane”, Castello di Rivoli, Rivoli; Vice Versa, Padiglione Italia alla 55. Mostra Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia.

INFO

Francesco Arena
“Il fulmine governa ogni cosa” 
Un’idea di Nicola Del Roscio
a cura di Davide Pellicciari e Carlotta Spinelli 
Fino al 7 dicembre 2023
Fondazione Nicola Del Roscio
Via Francesco Crispi, 18, 00187, Roma
Website: https://fondazionenicoladelroscio.it

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
ARTISSIMA on line la piattaforma Artissima XYZ