ANDROMEDA al Dream Rivello Art Festival

Siamo sul punto di risvegliarci dal sogno di mezza estate andato in scena a Rivello. La seconda edizione del Dream Art Festival, a cura di Ilaria Bochicchio (Ilaz) e Carolina Chiatto, si conclude con la presentazione della scultura Andromeda realizzata con il rame e frammenti di cuoio dall’artista Ilaz durante Gens Mutazioni, il progetto di residenza artistica promosso dall’associazione Terra Rossa.

Nelle botteghe artigianali Il Rame Lucano della famiglia Martino e Yamuna cuoio l’artista si è lasciata ispirare dai materiali lavorandoli con lo scopo di dar loro una forma artistica, privandoli della loro originaria destinazione d’uso. Il titolo della scultura rimanda ad Andromeda, la fanciulla, di cui Ovidio narra nelle Metamorfosi, libro IV, 663-752, incatenata ad uno scoglio ed infine tratta in salvo da Perseo.

Il rame, uno dei metalli più usati fin dal V millennio a.C., di colore rosso alla luce riflessa e verde a quella trasparente, ricorda in quest’opera un corpo piegato e racchiuso in se stesso che, nonostante si culli in un abbraccio difensivo, non cessa di rimarcare la propria fierezza. L’unione di questi due materiali crea una sintesi perfetta di armonia e fluidità nelle forme e nella composizione. L’artista è riuscita a donare un senso plastico a questo corpo di colore rosso imbrunito dalla fiamma che ha regalato al materiale incredibili sfumature. Colori e tonalità che ricordano quelle del mare dove la giovane fanciulla del mito era incatenata.
Queste due botteghe storiche di Rivello grazie ai loro instancabili artigiani, producono ancora oggetti unici e per questa occasione hanno creato un dialogo con l’artista Ilaz, divertendosi a sperimentare insieme una strada inesplorata.

“L’esperienza più interessante nel confronto con queste persone è stata poter osservare e comprendere come siano capaci di creare da una lastra o da un pezzo di pelle, con l’uso delle loro mani e pochi macchinari di supporto come forbici e cucitrici, degli oggetti d’uso quotidiano indistruttibili come una pentola o una borsa. L’intenzione è di far conoscere l’artigianato di Rivello che sopravvive con tutte le sue forze a un momento storico che ha deciso di privarsi sempre di più della bellezza e dell’unicità del lavoro creato dalle persone”.

INFO

Dream. Rivello Art Festival
A cura di Ilaz e Carolina Chiatto
Per tutte le info. dreamrivello@gmail.com

http://www.ilaz.it


 

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
“Napoleone. Nel Nome dell’arte” al cinema il documentario con Jeremy Irons, nelle sale dall’8 al 10 novembre