Hi-Tech: Dyson lancia nuova gamma purificatori Dyson Purifier

In un periodo storico in cui è alta la consapevolezza rispetto all’importanza di prendersi cura degli spazi in cui viviamo, siamo alla continua ricerca di dispositivi e tecnologie che ci facciano sentire più sicuri all’interno delle nostre case ma anche, più in generale, dei luoghi che frequentiamo come l’ufficio o le aule scolastiche.

Ogni giorno respiriamo fino a 9.000 litri di aria e trascorriamo gran parte del nostro tempo in ambienti indoor. In tempi di pandemia, poi, le nostre case si sono spesso trasformate in uffici, classi scolastiche, palestre. Ci siamo ritrovati a riorganizzare i nostri spazi, ma anche a prendercene cura con maggiore attenzione e consapevolezza.

Di recente Dyson ha condotto uno studio globale sulla polvere, coinvolgendo 10574 partecipanti in 10 Paesi, tra cui l’Italia (maggiori informazioni sulla Dyson Newsroom). Il 60% degli intervistati in Italia dichiara di aver modificato in maniera sostanziale le abitudini di pulizia della propria casa a seguito del Covid-19, segnalando un aumento considerevole (25%) delle pulizie e in altri casi lieve (35%). Si registra un cambiamento nel rapporto con le abitazioni e con la percezione dei potenziali pericoli che si nascondono negli ambienti domestici. Alto il livello di interesse nei confronti della qualità dell’aria, cresciuta anche la consapevolezza rispetto alla pulizia degli spazi di lavoro e di quelli condivisi.

In qualità di ingegneri, la mission di Dyson è proprio quella di risolvere problemi reali e farlo per primi. A questo proposito, James Dyson, Chief Engineer e Founder, afferma: “Una casa pulita è una casa più sicura. Rimuovere lo sporco visibile non è abbastanza, per questo abbiamo messo a punto purificatori intelligenti e aspirapolvere in grado di rilevare e rimuovere le particelle più piccole, riportando i risultati in tempo reale. Il nostro obiettivo è consentire alle persone di respirare aria più pulita e avere case più igieniche, dando loro la possibilità di controllare i propri ambienti indoor. Le nostre ultime tecnologie aiutano a rendere le case più igieniche in un periodo in cui spendiamo il 90% del nostro tempo indoor. Puliamo più frequentemente, inconsapevolmente circondati da fonti diverse di inquinamento come la formaldeide, che può essere emessa da pitture, mobili e altri oggetti d’uso quotidiano”.

Per questo motivo Dyson ha sviluppato una nuova gamma di purificatori che analizza costantemente l’aria, per rilevare particolato e COV, catturandoli e distruggendo la formaldeide.

Per questo nuovo formato, gli ingegneri Dyson hanno progettato un dispositivo con tutte le tecnologie chiave Dyson – compreso il motore Dyson Hyperdymium™ – concentrate e riorganizzate in formato in-line, ma senza perdita di aspirazione, garantendo fino a 105.000 giri/min. Non solo, gli ingegneri Dyson hanno anche mantenuto la tecnologia proprietaria di filtrazione a cinque stadi, nonostante le dimensioni compatte, garantendo un’efficace aspirazione della polvere fine nascosta negli spazi difficili da raggiungere, catturando il 99,97% delle particelle più piccole di 0,3 micron ed espellendo aria pulita.

L’ultima generazione di purificatori Dyson Purifier: nei nuovi purificatori Dyson, non è solo il filtro a soddisfare lo standard HEPA 13, ma l’intero dispositivo. Il flusso d’aria del dispositivo è stato riprogettato per ottenere un sistema di filtrazione HEPA 13 completamente sigillato – non solo assicurando che l’aria non fuoriesca dal filtro, ma bloccando anche qualsiasi potenziale punto di perdita attraverso cui l’aria sporca potrebbe entrare nel flusso d’aria. Questo significa che gli ultimi purificatori Dyson catturano il virus H1N1 e il 99,95% di particelle fino a 0,1 micron. I miglioramenti del percorso del flusso d’aria hanno reso la nuova gamma di purificatori il 20% più silenziosa, per ridurre il rumore indesiderato negli ambienti indoor – sia domestici, sia negli spazi di lavoro e nelle aule scolastiche – senza compromettere le prestazioni di purificazione.

Grazie alla tecnologia Dyson Air Multiplier™, il purificatore è in grado di diffondere aria purificata in ogni angolo della stanza. La modalità automatica permette al purificatore di mantenere la temperatura desiderata della stanza e il livello ottimale di qualità dell’aria. Il dispositivo può essere anche interamente controllato tramite la Dyson Link App e attivato tramite controllo vocale.

In aggiunta ai sensori già esistenti in grado di rilevare particelle, NO2, COV, temperatura e umidità, il purificatore ventilatore Dyson Purifier Cool Formaldehyde, il purificatore termoventilatore Dyson Purifier Hot+ Cool Formaldehyde e il purificatore ventilatore Dyson HEPA Cool Formaldehyde progettato per gli spazi commerciali (disponibili da fine maggio) integrano un sensore intelligente di formaldeide che assicura un rilevamento selettivo dell’inquinante per tutta la vita del dispositivo. Esistono sensori di formaldeide a base di gel, che possono deteriorarsi gradualmente seccandosi con il passare del tempo. Grazie a una cella elettrochimica, il sensore di formaldeide Dyson non si secca e il suo algoritmo unico e intelligente controlla i dati ogni secondo, rilevando selettivamente la formaldeide per non confonderla con altri COV.

Il filtro SCO (Ossidazione Catalitica Selettiva) di Dyson distrugge continuamente la formaldeide a livello molecolare. Il filtro catalitico dispone di un rivestimento unico con la stessa struttura del minerale criptomelano. I suoi miliardi di tunnel delle dimensioni di un atomo hanno dimensione e forma ottimali per intrappolare e distruggere la formaldeide, scomponendola in piccole quantità di acqua e CO2. Lo stesso filtro si rigenera poi dall’ossigeno dell’aria per continuare a distruggere la formaldeide, senza mai essere sostituito.

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
“LIFE” di OLAFUR ELIASSON alla Fondazione Beyeler di Basilea