Biennale 2022: Padiglione Gran Bretagna

Vincitrice del Leone d’Oro per la miglior Partecipazione Nazionale il Padiglione della Gran Bretagna è una potente mostra dell’artista britannica Sonia Boyce.

La sua visione artistica esplora il potenziale del gioco collaborativo come percorso verso l’innovazione. L’installazione di Boyce riunisce lavori video con cinque musicisti neri* (Poppy Ajudha, Jacqui Dankworth MBE, Sofia Jernberg, Tanita Tikaram e il compositore Errollyn Wallen CBE) che sono stati invitati a improvvisare, interagire e suonare con le loro voci.

Le opere video sono al centro della scena tra le carte da parati tassellate e le strutture geometriche dorate di Boyce, e le stanze del Padiglione sono piene di suoni – a volte armoniosi, a volte contrastanti – che incarnano sentimenti di libertà, potere e vulnerabilità.

Questa nuova commissione amplia la Collezione devozionale di Boyce, costruita in più di due decenni e che copre più di tre secoli, che onora il contributo sostanziale delle musiciste britanniche nere alla cultura transnazionale.

La mostra è curata da Emma Ridgway, che è stata nominata Shane Akeroyd Associate Curator inaugurale del British Pavilion nel 2020. Ridgway è Chief Curator presso Modern Art Oxford e in precedenza ha lavorato al Barbican Centre, alla Royal Society of Arts, alla Serpentine Gallery e la Khoj International Artists’ Association a Nuova Delhi.

IL TRAILER

INFO

Pavilion of GREAT BRITAIN
Sonia Boyce: Feeling Her Way
59th International Art Exhibition – La Biennale di Venezia, The Milk of Dreams
Photo by: Courtesy: La Biennale di Venezia

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
HESTETIKA Vol. 5