#studiovisitonline: MARILISA COSELLO

Proseguono anche in questa Fase 2 dell’emergenza pandemica gli Studio Visit on line dove, in maniera virtuale, entriamo nei luoghi all’interno dei quali gli artisti realizzano, in questo periodo di emergenza, le loro idee creative e chiacchieriamo un po’ con loro della loro arte, delle varie opere, del particolare momento in cui stiamo vivendo e scopriamo quale è il loro Manuale di sopravvivenza alla quarantena e alla Fase 2.

L’appuntamento di oggi è con: MARILISA COSELLO

IL VIDEO 

LA GALLERY 

CHI E’ MARILISA COSELLO

Nata a Salerno (IT) nel 1978. Vive e lavora a Milano (IT).
Formazione in fotografia, belle arti e cinema, alti livelli nel Regno Unito (scuola Sevenoaks), Laurea in Storia del cinema, Master in fotografia allo IED Milano (IT), Noorderlicht School (Paesi Bassi), Museè Nicephore Niepce (FR), ha studiato con Francois Cheval e Luca Panaro.
Ha lavorato per 5 anni come fotografa di news, prima di capire che la realtà non esiste e passare a un approccio concettuale nella sua ricerca e pratica artistica. La sua pratica è profondamente contemporanea, La sua pratica è caratterizzata dalla partecipazione del corpo e dalla costruzione di performance, che attivano un dialogo tra storia, cultura e strutture sociali.
Ripensando al ruolo della Società come Famiglia, e del Privato come Collettivo, il lavoro di Marilisa Cosello fonde diverse forme di indagine sul potere, sovrapponendo pubblico e privato, rituali familiari e archetipi
collettivi. La sua ricerca si configura come una riflessione sulla natura politica del singolo corpo come soggetto, e sull’impatto delle dinamiche di potere sulla storia personale e delle comunità.
Le sue fotografie, performance, video, si concentrano su tematiche sociali e individuali e sul potere politico nelle strutture sociali, familiari e nei sistemi di sovrapposizione e controllo del corpo: immaginano il corpo e gli archetipi della società come palcoscenici in cui vengono articolate idee politiche, lotte personali, condizione femminile, aspettative della società.

Le sue opere sono state esposte in Italia e all’estero in importanti istituzioni ed eventi, tra cui Fotografie Forum Frankfurt; Biennale Mediterranea di Arte Contemporanea, Sarajevo; Circulation Festival, Parigi; Central Dupon, Parigi; Palazzo delle Esposizioni, Roma; Museo di Santa Giulia, Brescia; Kunsthalle, Lana (BZ); Fotografia europea, Reggio Emilia; Fondazione Francesco Fabbri, Pieve di Soligo (TV), Centrale Fotografia, Fano; MIA, Milano.
Ha vinto due volte l’European Photography Award (Fotografia Europea) e il Lugano Photo Festival; ha ricevuto la menzione d’onore a PhotoEspagna, Descubrimientos Braga e Berlin Photo Festival.
Le sue opere sono nella
Collezione Donata Pizzi e nella Collezione Castelli.

WEB & SOCIAL

https://www.marilisacosello.com/
https://www.instagram.com/marilisacosello/

HESTETIKA ART Next Generation

Altre storie
Boga’s Space: il primo appuntamento con Marco Lodola